Appunti Sparsi Tra Il Pranzo E La Cena/3

  • Gli utensili per la cucina della Prova del Cuoco sono superati in bruttezza solo da quella batteria di padelle di Titti e mestoli di Duffy Duck della Warner Bros che tempo fa  cercavano di propinarci, non ricordo se con i punti delle merendine o con le uscite settimanali; nel primo caso, puro masochismo nel collezionare centinaia di punti per una tazza col becco; nel secondo caso, l’attesa dell’uscita in edicola sembra piuttosto il tempo, sempre troppo breve, tra la sentenza di condanna e il lavoro del boia. Detto questo, se ad aprire il foglietto illustrativo saltasse fuori la musica de Le Tagliatelle di Nonna Pina, accenderei un fuoco nel lavello e cercherei di cacciare tra le fiamme lo spietato spirito maligno.


  • Oral-B Vitality: è sempre bello e rincuorante notare con quanta professionalità i ricercatori Oral-B, nel prendere visione di una realistica schermata che mostra una specie di muschio verde sul colletto dentale, simulino autentici conati, guardandosi accumunati da un significativo disgusto.


  • Come gentili lettrici e lettori hanno prontamente segnalato, il delicato Ronaldo non è calvo, pertanto non è credibile come testimonial della Crescina. Il risultato è ancor peggiore se ripensiamo al fatto che, quando il dentuto calciatore s’è presentato per la prima volta in pubblico con le sembianze di un clown (meraviglioso non è stato mai, ma è stato capace di peggiorare, per poi grazie al cielo rinsavire parzialmente negli ultimi tempi), ha rilasciato una settantina di interviste in cui diceva apertamente di farsi schifo e di trovarsi scomodo coi capelli, ma che li teneva perché gliel’aveva chiesto il presidente del Milan (…); ciò rende tutta l’idea dello spot ulteriormente falsa. A questo punto prendiamo Keira Knightley per American Diet System Giorno e Notte, a scuotere le confezioni per far vedere che sono «anche vuote», che tanto pesava trenta chili anche prima.


  • Dopo che ha annunciato, insieme al marito, di essere in dolce attesa, in un modo originale e da copiare [cioè en passant (=pacca sulla pancia) in uno spot sul detersivo per lavastoviglie], la bella Alessia Mancini viene impiegata in tutte le televendite delle poltrone alzapersone, quelle che si chiamano con i nomi delle peggiori soap opera del pomeriggio. Certo, lo faceva anche prima, ma stava in piedi e la consigliava agli anziani. Ora va solo su e giù con lo schienale, col telecomando, ripetendo con aria complice: «questa poltrona è proprio di grande aiuto, SOPRATTUTTO PER ME».


  • Nell’ultimo spot Wind-Infostrada, Fiorello decide che il pubblico non deve guardare lui e il vetusto Mike, perché se no non si ricorda del prodotto, così ci tocca una schermata nera. Cosa c’era scritto? Ah, che ne so, ero impegnato a sentire le voci, io.
Annunci

18 commenti

Archiviato in Appunti Sparsi

18 risposte a “Appunti Sparsi Tra Il Pranzo E La Cena/3

  1. Per l’Oral B: …sembra il verde che ha lasciato che, voglio dire… va bene i germi etc etc… ma uno per avere proprio verdi così i denti di DEVE essere mangiato un evidenziatore!!

  2. Ho scoperto ieri questo blog: linkato di corsa.

  3. utente anonimo

    Mannaggia a te,rido come una cretina davanti alla schermo!Grande come sempre

  4. utente anonimo

    Quoto quest’ultima utente anonima: i miei capi si stanno seriamente proccupando!!!

    Grande davvero!!!

    Buona giornata,

    ° Nilli – Giulia °

  5. utente anonimo

    Ciao!
    Accetti segnalazioni/richieste?

    Vogliamo parlare di quella misteriosa istituzione che chiamano “prodotto dell’anno”?
    Fateci caso… ogni tanto una pubblicità finisce con la frase “eletto prodotto dell’anno xxxx”.
    Ma io mi chiedo: che roba è? Eletto da CHI? Negli ultimi anni ho sentito definire “prodotto dell’anno” una tintura per capelli, un deodorante per ambienti e… ah, la memoria falla, ma mi pare che tre anni fa fosse un detergente.

    Io ad occhio penserei che il titolo di “prodotto dell’anno” dovrebbe toccare, che so io, all’auto ad energia solare, o alla cura contro l’Alzheimer… e invece no, tinture per capelli e deodoranti.
    Ma la giuria del “prodotto dell’anno” da chi è composta, un pubblico di spettatori di Maria De Filippi?

  6. @#5 me lo chiedo giorno dopo giorno. C’è qualcosa che non sia stato eletto prodotto dell’anno?!
    Mi pare di aver capito che i risultati emergano da un sondaggio su qualche rivista o simili… Visti alcuni prodotti scelti sarei curioso di vedere gli altri. E’ vero che alcuni altri sono veramente ottimi, ma credo che dipenda dal fatto che su diecimila prodotti dell’anno sia abbastanza logico.

  7. Splendido splendenteee ma vaff… 😛

  8. I fascicoli/collezioni che escono in edicola hanno dell’incredibile: da pendolare spesso mi trovo a ciondolare per l’edicola della stazione aspettando il treno…roba da fantascienza! Ieri ho visto il primo numero di “scene dall’antico egitto”, in regalo il faraone col suo trono! No comment…

  9. Il prodotto dell’anno 2007 è stato realmente un beverone che guariva dall’Alzheimer.

    Non funzionava. Come tutto il resto.

  10. A quanto ho capito io il prodotto dell’anno dipende sostanzialmente dalle vendite.
    Insomma, quello che vende di più diventa prodotto dell’anno…e tanti cari saluti alla qualità, immagino.

    Io mi chiedo come mai una carta igienica monovelo del supermercato non sia mai stata eletta prodotto dell’anno, eppure non deve vendere poco:P

    O i sacchi della nettezza! Dopo l’emergenza di Napoli, e lì se ne useranno parecchi a giudicare dalle immagini, com’è che anche i sacchi non han vinto la palma di prodotto dell’anno?

    Aspetto a gloria il prodotto del 2008…a giudicare dallo stato d’animo del popolo italiano suppongo che i Kleenex siano in corsa per il podio…

    Tralasciamo poi miss Mancini, esempio per tutte le donne gravide!
    Ma com’è che son tutte diventate portatrici di gravidanza a rischio?
    Santo cielo, alzarsi da sole da una poltrona non causa aborto, eppure si cerca di instillare pigrizia in ogni puerpera.
    Dove son finite le donne che fino al 9 mese lavoravano (ad esempio: mia mamma, ristoratrice, mia zia anche, mia nonna contadina e altro) ? Ora pare che se una fa lavoro d’ufficio al 3 mese debba prendere per forza maternità sennò succede una tragedia…
    Grazie Alessia Mancini, per far precipitare l’immagine delle donne nel baratro della pigrizia e dell’allarmismo!

    Eclisse

  11. oddio ti leggo per la prima volta TI LINKO in un nanosecondo(non è una minaccia…).a proposito di lancia musa…sai in genovese cosa vuol dire mu_ssa?
    aspetto con ansia il momento che la marcuzzi si ca’herà addosso in diretta al grande fratello…grande bifido attivo!

  12. E di imodium?
    Perchè il vecchietto così terribilmente umiliato dalla moglie(“da quando mio marito ha la diarrea…”) non reagisce?!
    Mistral

  13. E beh, ora ti linko proprio.
    ciao
    lucifer

  14. utente anonimo

    eh no eh no eh no… qui mi cadi eh… non sopporto più la gente che scrive “duffy duck” con la “u”… si scrive “daffy”! Tipico caso di “troppa grazia”: visto che di solito le parole inglesi che si pronunciano con la “a” si scrivono con la “u”, la gente si sbaglia… (il tutto coadiuvato dall’avvento dei simpson nell’ultimo decennio e la loro birra duff).
    A parte le pedanterie, complimenti per il blog! Rido sempre di gusto a leggerlo!

  15. @#14: sono desolato di aver urtato la tua sensibilità, la mia antipatia profonda nei confronti dei cartoni animati Warner si palesa anche così, con errori di cui non mi sarei mai accorto!

  16. utente anonimo

    ah comunque scusa per il tono… in realtà voleva essere scherzoso, era così per dire… 😀

  17. Non puoi farlo… I tegamini della prova del cuoco sono deliziosi… Le padelle dei personaggi warner davvero buone (ammetto di aver preso solo la prima xkè costava poco) ed i piatti della disney (mettiamoci anche quelli) davvero belli… Un’acquirente compulsiva di riviste con regali ^__^

  18. @#16: ho dato per scontato che il tono fosse scherzoso, nessun incidente!
    @#17: se c’è di mezzo la Disney è tutta un’altra cosa…ci cadrò anche io un giorno o l’altro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...