Un Pensiero Per Ciascuno

Cari bambini, se siete in difficoltà quando la maestra vi chiede di scrivere i pensierini (si fa ancora oppure oggi si chiede di progettare un’attività imprenditoriale?), ecco un aiuto per voi: Lo spot di Ace Gentile, dove trovate un paio di pensierini, magari un po’ semplici per chi di voi sta frequentando la seconda elementare, ma potete migliorarli a vostro piacimento.

Una ragazza lavora in un ufficio, in cui tutti i computer visibili hanno lo schermo spento o a schermata blu; lei, per quanto ne so, sta perdendo al solitario. In un momento così triste, tira fuori dalla borsa una maglietta rossa, solo per rallegrarsi. La spiegazione è «mi piace il rosso, mi rallegra più del grigio» Ah, ma potevi dirlo che la tua intelligenza supera la media! Pensare che io continuavo a coprire tutto con drappi neri  e candelabri con intagli a  forma di teschio nella la vana speranza di ravvivare l’ambiente.
«Mi piace il verde prato, perché è il colore del gioco» (mi raccomando bambini, mano alla penna) perché questa frase astrusa sul verde? Ma per collegarsi al fatto che la confezione di Ace, specialmente il tappo, è di questo colore. Questa è una tecnica narrativa nota come Metodo Studio Aperto, di cui vi riporto un esempio:

«Oggi un furgone portavalori è stato assaltato; sono morti tutti. I malviventi hanno raggiunto il denaro aprendo uno squarcio nello sportello posteriore. E continuiamo a parlare di posteriore con il sedere di Aida Yespica, in dodici scatti ricchi di espressione artistica in esclusiva stasera per Lucignolo»

I pensieri di grande spessore trovano sublimazione nella constatazione che il rosso vivo fa battere forte il cuore, frase che costringerà a rivalutare i testi delle canzoni Paris Hilton.

Bene, adesso un pensiero anche a chi è già grandicello e si appresta a completare la quinta elementare. Innanzitutto vi odio, perché ai miei tempi c’era l’esame e dovetti fare una ricerca sulla rivoluzione industriale, la Biston Betularia e l’Inghilterra, mentre voi andrete al mare impuniti senza angosce. Chiarito il perché del mio astio nei vostri confronti, vi farò un esempio di quella figura retorica che incontrerete quando dovrete studiare le poesie, nonché qualche spunto per quando intenderete spendere male i vostri soldi in discoteca: nello spot di Ace Denso Profumata, la protagonista, avendo esagerato nell’annusare la candeggina, percepisce che il suo bucato ha il colore del vento; quella è una sinestesia, una cosa che quando la provi vuol dire che hai prima provato qualcos’altro; analogo discorso per spiegare il fatto che la ragazza sia nuda nel letto a ridere e a consumarsi i palmi delle mani accarezzando le lenzuola: quasi certamente ha annusato il bianco (e questa non era una sinestesia).

L’ultimo pensiero di oggi va a quelli che hanno creato questa pubblicità, in cui la candeggina sembra scaturire, come naturale linfa, da una pianta. Io capisco che l’ambiente da ricreare fosse quello mediterraneo, con mare e vegetazione tipica, ma sarebbe stato utile consultare un erbario.
Infatti quello è un oleandro; fa bellissimi fiori, tante varietà, molto decorativo. Peccato che sia anche conosciuto col nome “due foglie e sei morto”; come pretendete che sia il mio umore, sapendo con cosa ho lavato i mie vestiti da un mese a questa parte?!

Annunci

35 commenti

Archiviato in Senza categoria

35 risposte a “Un Pensiero Per Ciascuno

  1. Vista la situazione economica generale ci si inebria più con i fumi della candeggina che con “cose” più esose! Gli ideatori di questi spot probabilmente arrivano da qualche comunità di riabilitazione dove gli accendini non servivano solo per appicciare le sigarette!!!
    Grazie per le tue perle quotidiane…oggi più che mai senza macchia!!!

  2. utente anonimo

    Ringraziandoti per le tue perle di saggezza quotidiana ho da segnalarti il nuovo spot della TIM, io ci ho messo davvero un pò a capire il suo vero, profondo significato! Franca

  3. Stima, e aggiungerei RISPETTO.

  4. utente anonimo

    e io che ho fatto gli esami anche in seconda elementare (ed era l’ultomo anno per giunta) cosa dovrei dire?

  5. i pensierini a scuola si fanno ancora..parola di zia che li fa per il nipote e un domani li dovrò fare per la pupetta

  6. utente anonimo

    😀

  7. utente anonimo

    ciao,
    vorrei segnalarti uno spot a dir poco agghiacciante che ho intercettato ieri nel bel mezzo del Tenente Colombo:un omino in bicicletta sta per entrare in una galleria buia, ma, come nei migliori episodi di Will Coyote, si schianta contro la montagna, infatti l’ingresso e la relativa galleria non esistono, sono stati solo dipinti con un abile trompe d’oil, certamente realizzato da Beep Beep.
    E qui parte lo slogan, terribile, che dice qualcosa tipo: “non fidarti del primo buco che incontri” o “i buchi non sono tutti uguali” (!!!!!), non ricordo di preciso, ma giuro che è una frase del genere…per pubblicizzare, ma è ovvio, l’emmemthal, il formaggio coi buchi!

  8. Amico, sei un grande. Ho letto tutto il blog in un’ora e ho le lacrime agli occhi…

    Giag

  9. @ #8: oddio l’avevo rimossa quella porcata! Sì, perchè proprio di porcata si tratta, sfido chiunque ad aver pensato solo all’emmental guardandola!!!

    Quanto alla candeggina temo proprio si tratti di un complotto per portare la gente alla dipendenza, si parte dalla coccoina per i piccoli, poi dalla candeggina (mio fratello da piccolino masticava lenzuola e fazzoletti, e suppongo esistano ancora tali comportamenti…w l’oleandro, coadiuvatore della selezione naturale, attendo a gloria i primi risultati!) si sale più in alto, come ci hai fatto gentilmente notare con simpatica ignuda che annusa il bianco!!!

    E poi si lamentano che in Arno e nei Navigli ci sono concentrazioni mostruose di coca…

    Eclisse

    Ps: a quando due parole sul Saratoga che ti sigilla la doccia da tutto tranne che dalla strafiga nuda di turno? La vendono con la confezione?

  10. quella dell’oleandro è geniale!

    io li ho fatti ogni anno per 5 anni gli esami, alle elementari.. maledetti..

    gran bel blog, quando ritorno in Italia ti linko
    Ale

  11. Io la sinestesia la spiego così: qualcosa che provi col naso ma la dici come se l’avessi vista;
    che provi con le mani ma la dici come se l’avessi mangiata; e vai così 😛
    E tutto ciò per avvisarti anche che questo pezzo (sinestesia compresa) oggi lo leggo in classe 🙂

  12. utente anonimo

    ciao , visto che ultimamente ti dedichi alle pubblicità per fanciulli …… perchè non dai un occhiata a questo bambino……….
    http://www.ffk-wilkinson.com/it/

  13. utente anonimo

    blog assolutamente straordinario
    e fa pure bene alla salute!

    la vague

  14. sorvolando sul fatto che c’è una discordanza di genere. che vuol dire ace densO profumatA? st’ace è maschio o è femmina? se è LA candeggina allora dovrebbe essere densa profumata, se è IL detersivo, allora denso profumato, no?

  15. utente anonimo

    Oddio, mi sono perso la pubblicità dell’Emmenthaler! OVVOVE!!!

    Ad ogni modo, vorrei tanto vedere un bel post sulle pubblicità delle nuovissime scarpe per le generazioni del futuro: dagli zoccoletti in pajettes per zoccolette (marca Fairies o qualcosa di simile con tanto di Trilly finale che fa molto Grandi Classici Walt Disney), alla tanto acclamata “nuova canzone” delle scarpette da mercato del giovedì Lelly Kelly (che nuova non è, io ricordo benissimo che la cantavano quando ero piccolo) passando dalle Bullboys, che altro non sono che un costosissimo gadget (a scelta palla per pigmei o videogame creato prima del 1958) a cui danno gratis in allegato un paio di scarpe sformate di seconda mano. Che dire poi di quell’affare obbrobrioso di nome Pepito, pallida imitazione di Quicky del Nesquick, che con le scarpe non c’entra un beato cazz…

    Insomma, vorrei tanto vederlo. 😉

    Giampozzo

  16. utente anonimo

    Già che state a parlare di canzoncine sceme vi invito ad ascoltare quelle della Mattel e della Barbie in particolare.
    Non scherzo, sono almeno venti anni che ad ogni nuova versione della Barbie fanno una canzoncina nuova.
    E sono almeno venti anni che non riescono ad azzeccare una rima, una metrica, una assonanza.
    OGNI singola canzoncina della Mattel degli ultimi venti anni sembra composta dalla proverbiale scimmia con la macchina da scrivere per quanto riguarda i testi, coadiuvata da una collega al pianoforte.
    Ma lo fanno apposta?

    Claudia

  17. Buonasera a tutti!
    Avere impegni è una cosa schifosa, dovrò rispondere in blocco e in modo stringato.

    @Lole, Franca, Catrap, Valepensiero, Giag, Ale, la vague, #17 e il sorriso del#7: semplicemente grazie!
    @#5 e # : avete tutta la mia comprensione.
    @ziacris: allora c’è speranza su questa Terra 🙂
    @#8: devo vedere quello spot, quella che i buchi non sono tutti uguali mi fa già scompisciare.
    @Eclisse: aspetto che ritorni lo spot della signorina che si chiude nuda in un acquario dopo averlo sigillato col silicone; quelli sì che eran bei tempi.
    @LaVostraProf: voglio i video!
    @#13: sono sinceramente agghiacciato! L’idea è davvero simpatica però.
    @ddaisy: mi sa che si può dire; certo è che da sentire è come il gesso sulla lavagna.
    @giampozzo: le canzoni di Bull Boys e Lelly Kelly me le ricordo ancora, mi perseguiteranno per l’eternità e un giorno di questi mi adopero per disintegrarli.
    @Claudia: appena ho tempo e materiale riparleremo senz’altro di Barbie e della sua famiglia promiscua, oltre che del suo declino da veterinaria affermata multi talento a malata di shopping.

  18. volevo informarti che carla bruni è tornata con 1 nuovo spot della lancia… credo sia il caso d 1 creare 1 discussione anche su questa SPLENDIDA pubblicità

  19. @FedeSP20: non l’ho vista, hai mica un link? Sarebbe ben accetto 🙂

  20. Grande!!!

    Grazie per il commento, CIAO!!! 😀

  21. @FedeSP20: dici questa? http://www.youtube.com/watch?v=IfyFMfsv-7s
    è terrificante, ancora peggio della prima xD quando l’ho vista ho pensato subito a questo blog… terrificante, davvero terrificante.

    Rebechan

  22. scusate se torno a parlare di detersivi, ma la silhouette che alla fine si infila la maglietta bianca e diventa tutta bianca mi ha fatto tornare in mente un dubbio che mi assilla da tutta una vita:

    perchè l’omino bianco è nero?

    tripponzio

  23. perchè non usa ace densO profumatAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!

  24. @ Jonlooker: beh, la’ttuale signorina Saratoga non si infila nell’acquario, però è comunque bella ignuda…certo, in confronto alla precedente questa ha…come dire…una notevole carenza di tette!
    Per carità, nulla ocntro le coppe di champagne, ma se bisogna essere trash almeno rimettiamoci la tipa in tuta di pvc tutta strizzata! Ecchecchezzo!

    Eclisse (si, son femmina ma esteticamente apprezzo il corpo femminile)

  25. Sono d’accordo, Eclisse; visto il tema, un seno finto ed esagerato ci stava tutto, stiamo parlando di silicone e che silicone sia!

  26. Jon…io non l’avrei disdegnato manco naturale, a voler essere proprio sincera 😀

    Eclisse

  27. Eh no, si parla di silicone e il trash dev’essere a tema!
    (naturale non l’avrei disdegnato nemmeno io!)

  28. Senz’altro un gran bello spot. Viva Ace e vviva la droga. Perchè credo che se prendo un po’ di Ace e lo faccio solidificare e poi polverizzo quello che viene fuori, dovrei ottenere la sostanza utilizzata dalle grandi menti che hanno concepito ‘sti spot.
    No, dai, per una volta sono stato troppo cattivo. Sinceramente credo il primo (ace gentile) sia fatto benino rispetto alla media.
    Eh sì, ho appena sgrnocchiato del cioccolato e si sente…

  29. Ah, vedo che non sono l’unica ad essersi chiesta come mai è Ace densO profumatA.

  30. @Jonlooker: hai ragione capo…me ne torno mesta a cercare silicone tra gli spot, così poi protesto alla Saratoga!

    Eclisse.

  31. sono ripetitiva…ma non trovo altre parole..SEI GENIALE…

  32. …ma quanto cazzo ti adoro!?! XD

  33. utente anonimo

    “Pensare che io continuavo a coprire tutto con drappi neri e candelabri con intagli a forma di teschio nella la vana speranza di ravvivare l’ambiente.” Ha! Ha! Ha! 😀
    “Questa è una tecnica narrativa nota come Metodo Studio Aperto, di cui vi riporto un esempio: “ Oddio, che ridereeee!!! XD
    “nello spot di Ace Denso Profumata, la protagonista, avendo esagerato nell’annusare la candeggina, percepisce che il suo bucato ha il colore del vento; quella è una sinestesia, una cosa che quando la provi vuol dire che hai prima provato qualcos’altro; analogo discorso per spiegare il fatto che la ragazza sia nuda nel letto a ridere e a consumarsi i palmi delle mani accarezzando le lenzuola: quasi certamente ha annusato il bianco (e questa non era una sinestesia).” Oddio, adesso muoiooooo!!! Ma muoio gignando come una matta!!! Che spasso!!! XD

    Viviana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...