Note Stonate

Innovazione e tradizione s’incontrano in casa Mercedes, modello GLK.

Non mancano innanzitutto gli elementi classici di uno spot di auto che si rispetti: la coppia hollywoodiana che fa escursioni in scenari da sogno immersi nella natura con un bel macchinone galattico (ah siete proprio in missione ecologista, voi due!), la certezza che per un milione di miglia almeno non incontreranno anima viva… il solito.

Il guizzo creativo sta nel fatto che lei, contenitore umano di psicofarmaci, guardi la strada come se fosse stata segregata per anni in un bunker e liberata di recente, convincendosi en passant di vedere James Dean. Ora, a voler spendere due parole, quella persona è la cosa più lontana da James Dean dopo una stella di Natale. Ma lei e i responsabili casting sono incredibilmente convinti del contrario, tant’è che assistiamo alla commovente espressione mistica di chi ha appena scoperto l’ultimo livello dei segreti di Fatima.
E che bella idea riferirsi ad un attore deceduto in seguito ad un incidente d’auto, quale buon gusto! E’ come se, in un ipotetico spot sulle armi da fuoco, un figurante che impersoni Kurt Cobain dicesse: «Per me, il più efficace fucile al mondo».

Il marito della visionaria, al contrario, abituato a vaneggiamenti farmacologici dell’ammattita consorte, le risponde «è impossibile» con il tono e la faccia di chi sta dalla mattina alla sera a dire che «è impossibile».

Si rende infine omaggio a Marilyn Monroe (almeno è somigliante), che passa anche lei per squinternata (e perché il the?!) un po’ perché le è parso di vedere una Mercedes -e ciò pare indispettire il signor Dean- un po’ per quel vestitaccio stampato ad amarene.

Si osservi dunque il potere della musica:
Circa la versione originale, purtroppo non conosco la musica che accompagna le immagini ma, se ci pensate, è quel genere di motivo che caratterizza le situazioni di:

simpatici equivoci/scambi di persona
cocente imbarazzo generale
fuga comica e rocambolesca dall’ospedale psichiatrico.

Noi invece abbiamo la colonna sonora de "I segreti di Brokeback Mountain", perché dobbiamo fare i raffinati a tutti i costi; solo che l’effetto che voleva dare lo spot originale (che non era di per sé di una bellezza abbagliante, eh) si dissolve in uno totalmente diverso.
Una specie di: “la terapista dice che ti farebbe bene visitare i Grandi Parchi dell’Ovest”.
Cosa che, a mio modesto avviso, a questi livelli «è impossibile»!

Annunci

17 commenti

Archiviato in Senza categoria

17 risposte a “Note Stonate

  1. Tra l’altro nella versione originale la prima volta “James Dean” è inquadrato più da lontano, si capisce che viene intravisto dall’auto in movimento e non da vicino, mentre nella versione italiana fanno un bel primo piano riciclato dalla parte finale.

    Eugeal

  2. utente anonimo

    del resto la macchina è chiaramente riconoscibile come un serie G: è sempre lo stesso gippazzo da forestali

  3. A me non dispiace poi tanto, l’idea è carina… E poi poteva andare peggio:al posto di Marilyn, potevano mettere Grace Kelly!!! 🙂

  4. EmmeQu non ci avevo pensato, poteva davvero andare peggio 😀
    (tra l’altro sentiti in colpa, mi hai fatto scoppiare a ridere nel bel mezzo di una lezione serissima!)

  5. Secondo me la musica originale è troppo blanda. Quella italiana non gendra niende!

    Boh, uno spot che non mi dà proprio di niente.

  6. Che poi, alla frase “Ma quello era James Dean!”, io più che rispondere “Ma è impossibile” con un sorriso, risponderei: “MA SEI DEFICIENTE?!!”…

  7. Complimenti per il tuo blog…perchè non mi inserisci tra i tuoi amici e mi linki?? Te ne sarò grata
    grazie!!!

  8. utente anonimo

    Fatica sprecata… Jon non linka! ^_^
    Dani

  9. Hai notato che anche l’inquadratura del falso Dean è diversa da un filmato all’altro?
    Io preferisco quella originale

  10. Iersera, dopo una amena giornata di non lavoro, mi stavo gustando Zelig e, nelle pause pubblicitarie, quel simpatico guaglione di Steven Seagal in una delle tante pellicole che lo vedono sempre correggere i torti uccidendo minimo minimo un centinaio di persone (sì lo ammetto: io e i miei fratelli abbiamo una predilezione per i B-C-…-Z-movie, qualli anestetico alle ca##ate che vengono trasmesse. Su tutti miriade di film della serie Tremors…). Bene, non essendo stato abbastanza lesto a fare zapping, mi sono sorbito questa gaudiosa pubblicità.
    Caro J. concordo sugli elemnti classici citati e, invero, mi sono beato peer qualche istante degli affascinanti scorci proposti. Per il resto (a parte che la macchina in sè non è un granchè, tanto per usare un’eufemismo cacofonico in rima) posso solo dire che se quello è James Dean io sono Bill Gates. Infatti anch’io ho gli occhiali e lavoro col PC. Sulla muliebre presenza stendiamo un pietoso lastrone tombale, tanto è relegata nel ruolo di deficiente di turno. NOn me ne vogliano le donne, questa volta la colpa è dei soliti pubblicitari col criceto azzoppato nel cervello.
    Salutiamo.
    m9 (innaGIORNATAdel”ç@##§”version)

  11. non fanno più le belle pubblicità, come quella storica della palio, che si narra sia stata bandita per proteste dei ciclisti
    http://www.youtube.com/watch?v=tzSA8HMUQlk
    ma anche la mercedes, non raggiunge il livello di quella in cui il bambino in classe dichiarava di voler diventare grande per guidare la mercedes come il babbo (qui la presa in giro che circolava in rete
    http://www.youtube.com/watch?v=TUirMnZ1jMM&feature=related ).
    ma lo vediamo anche con la pubblicità nuova della classe A, inutilmente sessista.
    volevo segnalarti la pubblicità ridicola di qualche altra automobile, ma il mio cervello fortunatamente ha cominciato a rimuovere certe minkiate, e mi si perdoni il termine.

    p.s. m9 tremors è un classico ormai del genere. i seguiti sono l’apoteosi del trash, con il mostro che in ultimo stadio vola emettendo gas intestinali, fino ad arrivare alla serie di telefilm, imperdibile. sul serio.

    tripponzio quartomenouno

  12. J.Lo.: ma hai mai parlato della famosissima pubblicità da mezzomiliardodilire (si raccontava) della Loren con “Accattatavill”? Non è un buon revaivol? 🙂

  13. utente anonimo

    La prima volta che ho visto questo spot ero in un’altra stanza ma sono corsa in cucina perchè,sentendo la musica,credevo che avrebbero trasmesso Brokeback Mountain in chiaro.
    Mah,mi sembra la solita pubblicità per gipponi…nulla di nuovo sotto il sola,insomma. Però avrebbero potuto mettere Elvis! 😀

    Fedverza.

  14. Fedeverza, “I segreti di Brokeback Mountain”.. in chiaro..? In Italia..?! «è impossibile!»

    Trip 4-1, spunti di grande utilità, ti ringrazio a mani giunte!

  15. utente anonimo

    Tu as raison…ma,per un attimo,mi sono dimenticata in che Paese viviamo e qual è lo stato della televisione italiana 🙂

  16. utente anonimo

    Non so perché abbiano messo il tema di BBM in una pubblicità che vuole essere leggera (?), surreale (?). E’ una musica che evoca, anche senza aver visto il film, tristezza e rimpianto. E’ davvero *troppo*. Lasciate un po’ in pace il buon cinema…

    Raffy

  17. Raffy, sono d’accordo, è uno dei film più tristi ch esistano.. ma si vede che l’importante era la parola “Mountain” 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...