Mamma Mia!

La mia pausa estiva ha avuto l’inconveniente di farmi totalmente trascurare fondamentali spot, di quelli con picchi di squallore che fanno epoca. Per fortuna ho fidi collaboratori che riempiono questi vuoti, così oggi potrò finalmente parlare dello spot, finora a me ignoto, di Maxxi Estate di Tim.

Seriamente questo spot è stato messo ripetutamente in onda? Tra l’altro l’idea che me ne sono fatto è tale che non sono nemmeno certo di aver colto la trama, ditemi se che sbaglio.

Una bella ragazza, che si trova in un campeggio/una comune/un accampamento mongolo, ha appena fatto un test di gravidanza, cosa che, visto il luogo e le condizioni d’igiene, poteva tutto sommato fare in un altro momento. Ma questo è niente: mi si dica, le donne usano portare un test di gravidanza durante le migrazioni per conquiste territoriali del clan, per ogni evenienza? Lei sì, il che fa pensare che data evenienza si ripresenti spesso durante l’anno. Ad ogni modo, giunge la buona novella: la figlia dei fiori è incinta, la qualcosa va subito comunicata al padre. Con un sms.

[consiglio qualificato: amiche, siete in stato interessante e volete dirlo al responsabile? Non mandate un sms. Le statistiche provano drammaticamente che gli sms con scritto “sono incinta” provocano incidenti stradali, attacchi cardiaci, attacchi di panico, crisi di pianto (non bello, ad esempio, nel mezzo di riunioni di lavoro). Pertanto, assicuratevi che, al momento della comunicazione della notizia, l’uomo in questione si trovi davanti a voi, possibilmente seduto, meglio ancora se legato.]

La ragazza digita emozionata la fatidica frase e spedisce la missiva. Al che, dapprima uno, poi centinaia di telefonini squillano nell’intero globo hippie, presumibilmente perché si celebra l’amore libero quindi il bambino avrà un numero record di padri alle sue feste di compleanno, entusiasti sin d’ora, a tal punto da correre garruli come tanti sorcetti nella variopinta discarica in cui sono stravaccati.

Ora, facciamo i comprensivi e diciamo che quello della signorina è uno stile di vita.
Diciamo che in quella comune fanno tutti i test del caso regolarmente e che sono tanto ma tanto puliti (può essere, no? Lo si dice anche degli scarafaggi, che vivono negli stessi posti).
Diciamo che abbiamo assistito a un raro esempio di amore collettivo puro e incondizionato.
Ma in tutto questo, il poliziotto, che cavolo c’entra?

Ne deriva che, in questo Mamma mia! dei poveri, la climax sia la seguente:

Donna incinta lo comunica al padre del nascituro→Ah, no..donna incinta lo comunica ai padri→Ah. La donna incinta è una.. diciamo eccessivamente prodiga.

Ditemi che qualcuno si è ribellato a una figura femminile di questa piccolezza.. o almeno ditemi che si bonificherà quell’accampamento.
Il mondo ha bisogno di entrambe le cose allo stesso modo.

Su pronta segnalazione di Ste, che ringrazio.

Annunci

20 commenti

Archiviato in Senza categoria

20 risposte a “Mamma Mia!

  1. Hola J., complimenti perchè è stato lo stesso pensiero che ho fatto io. Mi si taccia pure d’essere uno “sporco reazionario”, ma la prodiga di cui sopra ha decisamente fatto man bassa di quel che la natura maschile offre con facilità. 10 e lode per l’intermezzo alle amiche: a meno che il padre non si trovi dall’altra parte del globo in una missione umanitaria, non c’è ragione per passare via etere una notizia tanto bella e fondamentale.
    m9 (ultimamenteTROPPObuonista)

    ps: hai visto la nuova pubblicità Marlene? Quella con la tizia in bicicletta? Non mi ricordo se hai già omaggiato le tue assidue delizioslettrici trentine con qlc commento al riguardo.

  2. M9, buongiorno!
    Ho visto quello spot e devo dire che sembra un film di Tinto Brass, credo si chiamasse Monella o qualcosa del genere.. spunti colti, insomma 😀

  3. utente anonimo

    Be almeno c’è da dire che lo spot è fortunatamente stato trasmesso per poco visto che è stato censurato! Non mi ricordo di preciso l’articolo di giornale ma la motivazione era che “lo spot vanifica anni di lotta all’AIDS e di propaganda alle misure contraccetive”….Ogni tanto qualcuno qualcosa d’intelligente lo fa! Comunque bravissimo come sempre! Compliments!
    Giulia

  4. utente anonimo

    p.s. secondo volendo rimanere in tema di “amore libero” il poliziotto era un fan dei Village People….

  5. utente anonimo

    Per completezza di informazione, citerei anche lo spot in cui cercavano di convincerti che andare in spiaggia con un computer portatile e chattare con altra gente (anch’essa al mare?) non è affatto da nerd ma anzi è molto gggiovane.
    Hai speso i soldi faticosamente guadagnati nel call center per pagarti viaggio+hotel+ombrellone e te ne stai a controllare facebook invece che farti il bagno e broccolare turiste?

  6. Avevo sentito anche io che lo spot, con mio sommo dispiacere (perchè è davvero EPICO!!!), era stato censurato, ma non sapevo il perchè!!! Grazie Giulia #3!

    Jon, hai visto la pubblicità del nuovo gioco per bambini “INDOVINA CHI?”…

  7. A me ha fatto ridere XD
    Dopo tutti gli anni in cui la Tim e la Vodafone facevano a gara per avere la star del momento negli spot (uno più brutto dell’altro), questo era l’ultima dimostrazione che si erano finalmente arresi all’evidenza: non serve la star, facciamoli come sempre, che sono così brutti che l’attenzione la guadagniamo lo stesso.
    Ora resta solo di farlo capire alla 3.

  8. voglio vedere il pornospot marlene…

    tripponzio III

  9. utente anonimo

    Ma lo spot della Marlene non è quello del lancio della mela?? ?__?

    Silvia

  10. utente anonimo

    X Silvia: Ce n’è una nuova in cui una ragazza va in bici e prende una mela dall’albero!

    Dani

  11. utente anonimo

    … E l’eroico raccoglitore di mele si tuffa per apporre il marchio marlene sulla mela altrimenti anonima!!

    Fyaa

  12. utente anonimo

    Lo trovo sbagliato ma non perchè celebra l’amore libero (insomma,la donna gestisce il proprio corpo come vuole),bensì perchè rischia di essere un invito a non usare i contraccettivi…non so,forse sono troppo severa e paranoica. Diciamo che è uno spot brutto,punto.

  13. utente anonimo

    Sono io la numero 12,argh.

    Fedeverza.

  14. Personalmente, non lo trovavo tanto brutto, era una visione spiritosa dell’epoca hippy (fate l’amore,non fate la guerra)
    E’ stato censurato perchè “sminuisce l’idea di gravidanza”.
    A me non sembra, visto che tutti i padri sono contenti di avere un bambino.
    Come donna, mi infastidiscono di più gli spot come quello golden lady, o quelli dove ci sono donne nude anche per vendere un quaderno. Tipo “bella topolona” O_O
    Aerie

  15. Fedeverza, sono perfettamente d’accordo con te. Il messaggio latente catastrofico sta dove dici tu, da qui la mia frase «Diciamo che in quella comune fanno tutti i test del caso regolarmente e che sono tanto ma tanto puliti», cosa di cui non sono assolutamente convinto!

    E, Aerie, se è vero che le polemiche sono sorte non per i suddetti motivi, ma perché lo spot “sminuisce la gravidanza”, siamo messi malissimo.

  16. orribile.
    cioè, non so proprio come può venire in mente a qualcuno una cosa del genere…
    per #5: a parte il passare per nerd, che vabbè… ma io non lo porterei MAI un portatile in spiaggia, ma scherziamo? il paradiso di sabbia e acqua salata!

  17. [Ditemi che qualcuno si è ribellato a una figura femminile di questa piccolezza..]

    non vorrei dire stupidate, ma mi pare che addirittura il Vaticano si sia scomodato per questo spot.

  18. Mhh, qualcuno ha ricevuto qualche sms, ultimamente 😉 ?
    Dunque, le pubblicità delle compagnie telefoniche hanno esclusivamente il minimo comune denominatore di FAR CAGARE.
    Se la Tim ha raggiunto ormai vette di tristezza inarrivabili (Ah, ma nell’ultima c’è la vvvip!!! L’Eva dei Cesaroni, che ha oscurato il resto della Tribù! Uhhhhh!!!) e la Wind è riuscita a farmi dissociare da Aldo, Giovanni e Giacomo, tutte le volte che vedo Gattuso nella vasca a farsi la cresta con la schiuma mi viene da urlare “A Francè, ma un appuntamento dal tuo estetista per fargli togliere quello spazzolone in mezzo agli occhi non glielovuoi proprio procurare??” , tanto il senso che mi fa (e non sono per lqa depilazione maschile, no no.
    Quanto a questa pubblicità, trovo molto preoccupante che si parli di “sacralità della maternità”: proprio non riusciamo a vedere le donne senza pensare al loro ruolo di potenziali madri, eh????

  19. utente anonimo

    Ste a rapporto!!!

    Io mi sono scandalizzata per un’altra ragione… ma passi che una nel periodo utili provi… che ne so. 30 padri. ma così che è? sta con l’orologio “ah gino s enon ti spicci entro 15 minuti salti turno, che poi tocca a pino, poi a nino e forse c’ho un buco fra pino e lino alle 4 e mezza” tutti quanti è… impossibile!
    Batte il record del mondo della tizia che ne ha soddisfatti di più uno di seguito all’altro!
    Una presa per i fondelli alle comuni ed all’amore libero, all’intelligenza maschile (tutti che urlano sono papà? a nessuno gli viene un minimo dubbio che, a giudicare dal numero, magair il suo turno era il mese prima???)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...