Che Poi E’ Un Dovere Civico

Esportare prodotti italiani all’estero, con l’aiuto di uno spot, è veramente molto semplice.

Prendete l’esempio Barilla e gli Stati Uniti.
I pubblicitari che se ne occupano, da sempre, hanno una missione: far presa sulle donne americane, far comprare loro la pasta invece delle ciambelle imburrate; non pensate sia cosa da poco, non è per niente facile.
Così, si esporta prima di tutto il metodo: se un uomo italiano non compra neanche il the liofilizzato se non glielo presenta una pulzella in sottoveste, forse anche la donna americana sarà più propensa a mettere nel carrellone un chilo di spaghetti, se ci mettiamo vicino un Italian Stallion. E, siccome “O sole mio” ormai evoca trattorie e saghe familiari poco glamour, si condisce il tutto con un bel gorgheggio di Andrea Bocelli.

Tenendo questo piano d’azione bene a mente, s’è dato vita ad una serie di spot che, visti da un italiano, sono splendidamente comici.
Mi divertirò a esaminarne qualcuno, qua e là nei prossimi post, ma nonostante ci sia l’imbarazzo della scelta il mio preferito resta questo.

Siamo in Italia, quindi mercato della verdura in piazzette cesellate tra i portici, verdurai panciuti e pedoni anziani. Ma attenzione, c’è la nostra esca: Roberto Farnesi.
Lui è l’italiano avvenente su cui l’azienda sta puntando tutto.
Ditemi voi.

Come ogni italiano che si rispetti, col suo maglione disimpegnato sta facendo mercimonio di cavoli con contrattazioni complesse e gestualità del rapper che mima rispetto, che perpetua mentre cammina all’indietro: una vasca a dorso senza nessun apparente motivo.
In realtà, con la regia di un daino bendato, si vuole ricreare l’incontro-scontro romantico (che, viste le dimensioni della piazza, più che destino era logica) con la turista americana, che noi, scaltre cutrettole, sappiamo essere la raffigurazione ideale della nostra preda, che sfodera un sorriso a tutto mento e si scusa nella sua lingua (sforzarsi mai, eh), già innamorata dell’aitante uomo mediterraneo; lui, perfettamente calato nella parte, regala la sua ammiccata da derelitto, che l’ha reso irresistibile in “Carabinieri … ” (mettete voi il numero, anche a caso), scusandosi a sua volta nella sua lingua, il farnese (sforzarsi mai, eh).

Colpo di scena, (la tensione nervosa sul suo destino stava compromettendo milioni di valvole mitraliche), non solo è prestante, verduroso e ben disposto, è anche uno Chef.
Uno Chef in lutto, presumo, almeno sarebbe una ragione per quel pigiama di flanella grigio che indossa insieme a quel fazzoletto gessato color smog in zona industriale ovest.
Dalla sua cucina fiammeggiante come l’inferno si vede misteriosamente tutto il ristorante, a un tavolo del quale ridacchia spensierata la turista che egli tanto brillantemente aveva ammaliato qualche ora prima. Ispirato da questa visione, corre a prendere il necessario per il suo piatto migliore: i tortelloni secchi con ripieno di ricotta e spinaci, i tortelloni che si cuociono in sedici ore, i tortelloni che se li scoli quando te lo dice la confezione, al posto del ripieno ci trovi la polvere. Se questo è il concetto di Chef, siamo messi benissimo. Ma dai, trovati un topo anche tu e fatti insegnare a stendere un po’ di pasta.

Ad ogni modo, il cuoco fasullo in pigiama ci tiene a portare personalmente alla signorina trenta chili di tortelloni (si saranno moltiplicati come le cellule nel pentolone, pure i miracoli, fa) e glielo porge, ignorando del tutto il fatto che lei non li avesse chiesti.
E non hanno chiesto qualcosa nemmeno a noi, giacché apprendiamo con orrore che «Barilla Tortellini» sono «The Choice Of Italy».

Ma che iella, si vede che quando c’era il referendum per scegliere i tortellini era giorno di mercato e tra un’indivia e un cavolo mi son scordato di andare al seggio.

Annunci

34 commenti

Archiviato in Senza categoria

34 risposte a “Che Poi E’ Un Dovere Civico

  1. utente anonimo

    Sono la prima, che onore! Che bello rileggerti J., dopo settimane di astinenza!
    Pituffa

  2. utente anonimo

    mi sa tanto che li pubblicizzano in America perchè qua in Italia non ne venderebbero neanche 1 kg!!
    a proposito del tempo di cottura , che dire della sfoglia per le lasagne che non ha bisogno di essere scottata prima?
    buonanotte da lagazzaladra

  3. utente anonimo

    Ah, naturalmente ti amo ancora, sciocchino!
    Pituffa again

  4. utente anonimo

    Lol è la seconda comparsa della “cutrettola” e solo ora ho scoperto che è un simpatico uccellino dal petto giallo limone,Jonlooker fai le veci di Piero Angela? 🙂
    cheers,Silvia

  5. Silvia, ciao!
    Ti prego di credermi,
    mi era tornato in mente che eri andata a cercare il significato della parola, la cosa mi aveva fatto troppa simpatia e ho voluto farti un piccolo omaggio 😉

    Pituffa, ed io che credevo che avessi ritirato la proposta!

  6. Credo che metterò sul mio stemma nobiliare “Intelligente come cutrettola”. 😀

  7. utente anonimo

    oramai la cutrettola è una di noi 🙂 il prossimo post lo scrive lei? 🙂 🙂 o il daino bendato, che mi ha divertita assai? 🙂 🙂

  8. utente anonimo

    Nessuno ha ancora fatto presente che l’americanissima voce fuori campo sembra abbia il topo che tanto servirebbe al Farnesi-Chef infilato su per il naso, impedendole una pronuncia degna di un umanoide…
    Sta di fatto che io di tortelli Barilla in vita mi anon ne ho mai visti da nessuna parte.
    Speriamo che anche il buon Giovanni Rana si dedichi al mercato estero, così lo vedremo imboscarsi all’ora di cena anche in qualche famiglia degli USA.
    Naturalmente tutti gli inquilini seguiranno il buon esempio degli italiani, che riconosceranno il buonn vecchietto e lo accoglieranno come un parente a tavola!

  9. No allora:

    A parte che io lo trovo affascinante da morire, questo Roberto Farnesi, un po’ brizzolato e con l’occhio alla Richard Gere, vorrei capire perché il signor J. mi corteggia tutte le donne che passano di qua senza badare ai miei sentimenti.

    :*

  10. Miss V, mia cara, quando Vi feci la mia velata proposta di matrimonio, non sentii proprio un convinto. così è maturata in me la convinzione che Voi non mi amiate affatto. 😥

    :*

  11. Sciocco.
    Non ha ancora imparato che le donne si comportano così?
    E poi, non le avevo offerto il mio fazzolettino bianco in quell’occasione? 🙂

  12. #8, credo che se Giovanni Rana si presenta in una casa statunitenese a ora di cena, con un involto misterioso dei suoi, una fucilata non gliela risparmia nessuno!

    Miss V, temo di essere in difficoltà. Ho mal interpretato ed ora, sciocco ingenuo e giovane, ho accettato troppe proposte.
    Sono estremamente avvilito.

  13. Temo di avere il cuore a pezzi. Mi state dicendo che devo ripiegare su George Clooney?

  14. Ah..!
    Così potete infrangere il cuore di un uomo anziano?!
    E’ eticamente inaccettabile, non posso permetterlo!

  15. Considerando la rinomata cucina americana, si leccano i baffi veramente con questi tortelloni…
    Ma anche qualche italiano ha osato dire a me, un emiliana doc, che erano buoni…mah!

  16. utente anonimo

    “trovati un topo anche tu e fatti insegnare a stendere un po’ di pasta…”

    è una meraviglia… davvero…
    oltre che rischiare il soffocamento per non far tremare le fondamenta del palazzo con la mia risata.. ho avvertito l’irresistibile bisogno di delurkarmi…(mi si faccia i complimenti x il tempismo 😛 – per i tempi di ricezione degli “inviti” dovrei prendere esempio dal buon Giovannino Rana…:)

    Doppia D
    (tranquilli…non interromperò di nuovo cotali idilli tanto presto…)

  17. Domanda: è l’odierna giornata divertente e pioggerellosa che mi ha suscitato un brivido al termine della visione di questo spot? O è l’atmosfera finale che per qualche arcano motivo sembra l’incipit di un film horror a base culinaria?
    Anche perchè il piatto di tortelloni guarrnito con tanta cura, ma soprattutto così pieno che probabilmente gli avanzi la signorina se li porterà via per l’esercito della salvezza.
    I miei complimenti per la perla del giorno: …scusandosi a sua volta nella sua lingua, il farnese (sforzarsi mai, eh)..
    Anche la chiusa è bella assai.
    m9 (TORTELLONIdelSUPERMERCATO?NO,GRAZIE!)

    ps: cutrettola… la prima volta che ho sentito ‘sta parola ho pensato ad una specie di faina…
    pps: caro J. , ma cosa ci fai tu alle donne, che spargono i loro biondi capelli come morbido tappeto pur di farti contento (immagine fiabesca: oggi sono in trip)? Uno dei prossimi post alternativi potrebbe essere la recensione di un inutile remake, di cui non dico neanche il nome, che cade proprio a fagiolo…

  18. grazie splinder delç@##°

    Dicevo:

    inutile remake
    , di cui non citerò neanche il titolo, che mi sembra cada proprio a fagiolo…

  19. utente anonimo

    la cravatta/tovagliolo/fazzoletto, insomma quella cosa a righe che il tizio porta annodata attorno al collo è veramente orribile.
    Sembra che abbia tentato di mettersi una cravatta durante una sbronza e abbia pescato dal cassetto un indumento a caso (un paio di boxer?) con cui, stordito dai fumi dell’alcool, ha abbozzato la cosa più simile ad un nodo che le dita tremanti riuscivano ad articolare.

    mosk

    p.s: “la vasca a dorso” è fantastica 🙂

  20. utente anonimo

    Senza offesa per i machi che postano ogni gg su questo blog (biondi e non!!!): il brizzolato Roberto Farnesi è trooooppooo affascinante……

    Ma vediamo di risolvere un mistero!
    Probabilmente il colore grigiastro della divisa da chef (che gli sta su, che è un amore!!!) è causato dal fatto che lui, ex bambino bruno, non ha usato ARIEL BUCATO A MANO per lavarla!!!

    Nota informativa: lo scoiattolo della pubblicità Vigorsol si chiama CIPPI!!!

    Aladel ^__^

  21. Topi nella pasta? Mmm, non so, è un’idea che non mi ha mai attratto…

    (come le merendine 5 cereali e 5 topi) ; )

  22. Tu guardi quel video con gli occhi di un uomo.

    Io non ho notato neanche un terzo dei particolari citati…sarà perché stavo guardando quel tipo. Che oltretutto a me sembrava vestito in maniera strafiga.

    Sono io che ho gusti strani, o sei tu che non riesci a entrare nel cervello delle donne?

  23. Doroty, cara,
    le donne sono tutte diverse,
    ben lontane dall’avere un cervello solo 😀
    (Oltretutto, così mi dici che i pubblicitari sono perfettamente riusciti nell’intento!)

    Mi pare di capire che il signor Farnesi generalmente piaccia, gioisco sportivamente per lui!

  24. utente anonimo

    mi sorge un dubbio: alla fine dello spot, qando farnesi porge la cofana di tortelli all’americana.. solo a me sembra che, invece di sorridere, le indirizzi una smorfia scocciata traducibile con “tie’, magna e zitta”?!

  25. utente anonimo

    Hahahaha…. ho pianto dalle risate, anche per i commenti…
    che ridere!!!!
    Salutoni da una Zurigo freddissima

    Emanuela

  26. utente anonimo

    Beh, anche questo :
    http://it.youtube.com/watch?v=O6Ujrz2Xe_A&feature=related non scherza come spot.

    Non ho potuto non provare un brivido d’orrore nel vedere due americane che cucinano gli spaghetti. Da sole. Senza neanche l’assistenza di un Nintendo DS con ricettario. Che scempio.

    Noir

  27. Noir, un post su quello era già in cantiere, arriva presto 😉

  28. A parte l’americana plasticosa che non sa dire neppure uno schifo di parola in italiano, a parte la faccia da ebete e il vestitino meraviglioso dello chef,mi fa rabbrividire la pronuncia finto italiana alla fine
    Brrr..
    Aerie

  29. Oh!!
    Nello spot segnalato da Noir c’è il vicino bello che gioca con i bambini a moscacieca!!!
    Cioè è gay.
    Se non c’è un pallone deve essere per forza gay.
    Poi parla benissimo la sua lingua,cioè l’italiano °_°
    Terribile.
    La colpa di tutto questo è dell’ ex-marito di Ivana Trump (com’è che si chiama?)

    Aerie

  30. utente anonimo

    Il bello dei commenti su youtube…

    “Aww I love the guy’s Italian accent when he says Si, perfecto! He one handsome man”

    Ehhh già, una pronuncia italiana perfecta!

    Noir

  31. utente anonimo

    Tutto ciò è assolutamente magnifico, quale pregevole esempio di uomo italiano, quale virilità… potevano metterci Maurizio Costanzo a questo punto ed il risultato era lo stesso, magari senza stupro della lingua italiana.

    Che poi, sinceramente, quei cosi secchi fanno solo schifo. Almeno, a me fanno schifo. Piuttosto ci perdo mezza giornata, ma me li faccio in casa…
    Jaheira.

    ps: ti seguo da un bel pezzo, continua così XD

  32. Dai, non è così male Farnes : ) c’è di meglio, ma anche di peggio.
    In compenso la cosa divertente dello spot è il finale, con un piatto di pasta che ti chiedi da dove siano sbucata tutto quel po’ po’ di roba! Hanno cercato di ricreare l’atmosfera “italiana” e poi sono caduti nella solita mania del più grande è meglio è degli Americani XD

  33. Houston

    ah…ah..bellissimo post Jon…come al solito !
    che dire della pubblicità…tristissima…un crogiolo di luoghi comuni sull’italia al pari di quella della 500X ! poi..che razza di ristorante sarebbe…lo chef in piagiama grigio che cucina cibi già pronti e NON indossa la toque blanche…ma che schifo…! chissà quanti capelli del Farnesi ci saranno in quella vasca di tortelloni che potrebbe sfamare il First Recon Marines….;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...