Appunti Sparsi Retrò

Jovanotti e gli anni ’80 insegnavano ai ragazzini il rispetto verso il gentil sesso.
Prima cosa, è d’uopo invitare a casa una ragazza che è lì con lo specifico intento di circuirci. Appena in casa fingersi sorpresi della visita, guardarle in sedere e parlare gesticolando come una scimmia attaccata dalle mosche. Poi sarebbe il caso di dimostrare la propria maturità intellettuale facendo giocare la languida ospite con Super Mario; l’occasione è perfetta per cimentarsi in squisite metafore cavalleresche che scoprano appena appena le nostre intenzioni; che so, dirle che per “arrivare alla principessa” bisogna “superare un sacco di ostacoli” e naturalmente, anticipare “un sacco di salti”. Ah e il polipo, mi raccomando: la modalità octopus è d’obbligo.
La donzella, che era pronta a concedersi ancora prima di suonare al citofono, si convincerà del tutto a “un sacco di salti”. Tanto che, quando si risponderà al telefono mentre si è con lei (altra mossa imprescindibile) e si dimostrerà di non avere idea di come cavolo si chiami, la ragazza riderà divertita e continuerà a giocare con concentrazione professionale.
Mi chiedo quanti calci negli stinchi siano stati assegnati dalle dirette interessate dopo l’applicazione del metodo Nintendo.

[Detto questo, quella console e quel Mario erano l’idea di videogioco più bella che sia mai esistita.]

►Ho trovato lo spot che portava i bambini degli anni ‘80 a conoscenza dell’esistenza dell’Acqua Watch, un inutile (quindi un must have, mi pare chiaro) orologio con l’oscuro potere dell’ecologia di ricaricarsi con l’acqua, un riscatto dei punti del Mulino Bianco.

Lo spot è splendido: dei ragazzini sono al bancone del bar con l’atteggiamento vissuto del cacciatore e i loro bicchieri d’acqua/acqua e menta (o Anitra WC Gel, unica alternativa per densità e colore), comportandosi in modo del tutto illogico per la loro età, vale a dire guardando con sospetto interesse una bambina che è ovviamente una futura top model, ma che in quella fase della vita di un ragazzino ha lo stesso perché di una busta di plastica in mezzo all’oceano.

Il motivo per cui lei si trova lì, d’altronde, è ben lontano dal suscitare ammirazione per la sua beltà;  è pacifico che lo scopo sia sfoggiare il suo orologio che si rigenera tramite annegamento.
E, grazie allo stesso oggetto, gli equilibri tornano nella rassicurante consuetudine di identità quando i playboy undicenni vedono che l’orologio della nuova venuta si carica con l’acqua: al che smettono totalmente di interessarsi alla sua esistenza e iniziano a morire dietro al meraviglioso regalo del Mulino Bianco, conquistabile con venti miseri punti; diciassette, per l’esattezza, visto che per pena loro te ne regalavano tre. Non so se ci rendiamo conto. Chili su chili di merendine confezionate, presumo ingurgitate  tramite imbuto e a tempo record per non far scadere la promozione, per ricevere un orologino in plastica mostruoso, ornato di quella mascotte di Italia Novanta, un pupazzo vodoo cubista/omaggio a Rubik, che penzolava dai portachiavi dell’italiano medio come un cadaverino impiccato.
Non c’è bisogno di dirlo, io L’AMAVO.


Ci sono eh! ..A singhiozzo, ma ci sono. Contro il demone Adsl ho vinto io; quanto a quello esami universitari sessione invernale, sto riunendo le truppe sinaptiche.

Annunci

20 commenti

Archiviato in Appunti Sparsi

20 risposte a “Appunti Sparsi Retrò

  1. utente anonimo

    Un regalo del Mulino Bianco che io non ho!?! O ero momentaneamente passato alla Motta o ho passato l’estate dormendo!

  2. “in quella fase della vita di un ragazzino ha lo stesso perché di una busta di plastica in mezzo all’oceano”

    AHAHAHA
    Ormai le tue metafore sono tanto frequenti e fantastiche che dovrebbero farci su un dizionario =)

  3. …dalle mieniere della fine del secolo scorso…
    Sono allibito, perchè non me lo ricordavo proprio. Probabilmente l’ho rimosso, perchè a casa mia le merendine erano bandite, a parte qualche kinder brioz, e quindi non potendo nemmeno ambire a poter raccogliere i punti ed a vincere questo maravilloso premio, me ne sarò fatto una ragione. Chissà poi tecnicamente come funzionava?
    m9 (ITALIA90:nottiMAGICHE,inseguendoUNgol,SOTTOilcieloDIun’ESTATEitaliana…)

    ps: Jovanotti… J.lo, mandagli una mail col link, va!

  4. utente anonimo

    Io avevo l’orologio ad acqua del MULINO BIANCO (che in versione più economica si trovava anche nel fustino del DIXAN), e credo di aver avuto tuuuuuutte le sorprese del MULINO.
    Ricordo giornate in cui mia mamma e le mie zie si RADUNAVANO a casa per scambiarsi punti, bollini e prove d’acquisto…

    A casa dei miei doveri avere ancora il mitico NINTENDO 16 BIT, con tanto di MARIO BROS. E SUPER MARIO BROS. 1,2,3…

    Rivedere queste due pubblicità è stato come fare un tuffo nel passato…
    E ogni tanto ci vuole!!!

    Grazie J.Lo…

    ^__^ Aladel

  5. utente anonimo

    le tue truppe sinaptiche sono le migliori!

  6. utente anonimo

    Io ho sempre avuto il sospetto che fosse un comune orologio a pile… con l’aggravante che bisognava bagnarlo per leggere l’ora.

    Insomma, una boiata pazzesca !

    Ciao,

    l’Ingegnere
    PS: sono tornato… avevo paura di ammuffire anche io in quella splendida cittadina 😉

  7. utente anonimo

    Ciao John, non ho mai scritto ma è da un po’ che ti seguo, sei fortissimo!! Volevo suggerirti un altro splendido spot da recensire alla tua maniera: ho notato che Mr “No Woman No CRAI” si è finalmente trovato una fidanzata, e continua ad importunarla nel spot Tim dedicato all’offerta di S.Valentino, in onda in questi giorni…
    In bocca al lupo per gli esami!!

    Saretta

  8. L’argilla l’hai portata?!

  9. Vado a comprarla dopo perché stamattina non avevo tempo.
    Prendi tu due tisane dai.

    :*

    hahaha

  10. Visto che tra poco è San Valentino ti proporrei una recensione dei Baci
    http://www.youtube.com/watch?v=uCcD5zIv4cU&feature=related
    (ma una delle ragazze è Claudia Gerini?) e di un preservativo
    http://www.youtube.com/watch?v=dn_jwbjp2WU&feature=related
    che è stata censurata, ma io trovo molto incisiva.
    In bocca al lupo per gli esami ^_^

    Aerie

  11. La mascotte di Italia 90 si chiamava “Ciao” e fu al centro di un’operazione pubblicitaria che non tutti ricordano… il suo infelicissimo nome fu infatti oggetto di referendum popolare (le alternative erano terrificanti, tipo “Dribbly” e amenita` simili) se non ricordo male condotto da qualche marca di succhi di frutta o prodotti simili, si poteva votare spedendo l’apposito tagliandino – scheda elettorale che si trovava sulla confezione.

    Credo sia stato l’ultimo referendum dell’Italia repubblicana a raggiungere il quorum. Credo.

  12. L’abbordaggio degli anni ’80 è davvero forte…bei tempi quelli in cui si abbordava mediante lo sfoggio di una collezione di farfalle!!!

  13. La Barra possiede ancora un esemplare funzionante di acqua watch. notti magiche.

  14. utente anonimo

    L’ultimo spot della tim è a dir poco irritante.Un babbeo al cellulare domanda ossessivamente alla sventurata oca che ha per fidanzata:”Mi ami?” e quella per pietà risponde ogni volta con una banalità diversa:”Da paura””Da shock” etc…
    Le pubblcità della telefonia hanno pochi rivali nel campo delle sciocchezze e della mancanza di fantasia.

  15. utente anonimo

    fare una bella classifica delle piubblicità più brutte?
    serry

  16. per quanto siano brutte, queste pubblicità non eguagliano le brutture di questi tempi.

    O forse è la nsotalgia che mi fa parlare. Erano anni davvero divertenti T_T

  17. Erano tempi memorabili, altroché (ecco – è in questo modo che uno si accorge di stare invecchiando precipitosamente).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...