Pater Familiae

Immagino che lo spot della nuova Scenic voglia essere spiritoso.
E invece no, è solo colossalmente idiota.

Giacché l’auto, di questi tempi, serve in particolare a scarrozzare i figli tra un corso di qualcosa e una lezione di qualcos’altro, si è deciso di entrare nella vita di un uomo che lo fa molto spesso.
Sì, ma perché dovevamo entrare proprio nella vita di un deficiente? Che abbiamo fatto di male?

Questo gentiluomo d’altri tempi ci racconta che il primo pacco in consegna e ritiro è Daniele, avuto con la prima moglie, Elena. Le parole spese per questo importante incontro di anime sono: «Ah, è stato un matrimonio strepitoso», di cui siamo costretti a vedere un estratto, in cui possiamo ammirare la bella cerimonia che si è potuto permettere.

Ma la parte galante non è nemmeno iniziata, le vere parole d’amore sono per la moglie numero due, che potrebbe chiamarsi Nuova come Attuale, visto che del nome neanche l’ombra. Personalmente ritengo che lo zotico non se lo ricordi e per questo motivo rimarchi «nuova», come se lui fosse il nostro ammiccante e scaltro maître de vie, lui ci tiene ad avere il modello nuovo un po’ in tutto.
Non una parola sulla cerimonia. E ci credo, avete visto il secondo matrimonio? Quattro gatti spellati davanti a una specie di serranda.

Non contento, dopo averci parlato dei suoi gemelli Marco e Luca (o meglio, dei corsi pomeridiani che frequentano), ci mostra la lezione di danza di una tristissima Sofia, figlia della sua attuale moglie, detto per lasciarci il dubbio che le mogli siano tre. Da abbattere con un missile AGM.

No, non siamo ancora al meglio, ma quasi: ecco Mattia, un altro che si deve andare a prendere, «Mattia, che ho appena saputo che è mio figlio» (ma come parli, specie di capra), detta en passant, come se fosse un aneddoto spiritosissimo e non l’ennesimo indizio della sua intergalattica mediocrità.
Mattia, che lo guarda con l’aria «ti disprezzerei.. E’ che mi fai pena.»

Il finale deve essere eccelso, è una regola dei migliori spettacoli. Infatti questo è pietoso.
Da un sedile lontano lontano salta fuori Arturo, che lui guarda dallo specchietto retrovisore con orrore per qualche secondo: quel figlio sbadiglione e marroncino sarà mica suo?! Tranquilli, amici, è il figlio del vicino. S’è solo dimenticato di accompagnarlo, d’altra parte non è normale che un bambino crolli dal sonno dopo aver passato un pomeriggio in castigo/quarantena su un sedile a trenta metri dagli altri bambini.
Da ciò emergono sostanzialmente due fatti di minima rilevanza:

1.    L’uomo disgustoso ricorda il nome del figlio del vicino ma non quello di sua moglie. E’ un mostro. Oppure anche Arturo è suo.
2.    Della prima consorte ricorda solo la cerimonia, chiama sua moglie nuova e attuale, scopre figli dopo quindici anni che sono al mondo e l’unico momento in cui fa lo scandalizzato è quando, dopo ore di giri, s’è dimenticato di portare il figlio del vicino. Che dormiva tranquillo nella sua auto. La narrazione sull’abbandono in strada dei gemelli, al contrario, non aveva accenni di preoccupazione, lasciare i propri figli a picchiarsi in strada è simpaticissimo. Dov’è lo spirito in tutto questo? Io lo trovo patetico, un’uscita da bar dopo tre ore di chupitos gratuiti.

Mi consolo pensando che, visti i tratti fenotipici dell’immondo essere, della nuova moglie e della figlia, ci sono confortanti possibilità che Sofia non sia sua.
Chissà che fa, l’attuale moglie, mentre lui accompagna e riprende la sua progenie e quella altrui raccontando storielle agghiaccianti a chi non le avrebbe volute sentire mai.

Ps. Se ai miei colti lettori venisse un legittimo dubbio sulla correttezza del titolo, anticipo di essere al corrente del fatto che si dica Pater Familias; il mio è un omaggio a Marziale, che usò il termine Pater Familiae per schernire un patrizio che intratteneva, con straordinaria prodigalità, relazioni carnali con tutte le schiave della sua Domus.

Annunci

31 commenti

Archiviato in Automobili, Particolarmente Odioso

31 risposte a “Pater Familiae

  1. Per me le mogli sono tre. In ogni caso il tizio non ha le idee molto chiare sulla sua situazione familiare.

  2. Orribile a vedersi, è vero, eppure sapessi quante sono le famiglie “allargate” che vivono situazioni simili…
    Qui si è voluto esagerare, sicuramente, o almeno lo spero, ma temo che sia un futuro non tanto lontano.
    Un sorriso.
    Giusy

  3. Carissima Giusy, spero di non esser frainteso: non ho niente contro le famiglie allargate.
    Al contrario, ho molto contro gli sperminators, come li chiamano in USA per ovvi motivi 🙂

    Il concetto di famiglia si può intendere in tanti modi, ma trovo inopportuno com’è stato illustrato in questo spot, con un padre che scopre figli da un giorno all’altro e chiama le mogli con aggettivi adatti piuttosto agli oggetti; non credo sia intenzionale, temo invece si tratti dell’ennesimo spot brutto, malfatto e senza sfoggio di creatività.
    Ma il fatto che ne sia pieno il mondo non dovrebbe autorizzare a sfornarne di nuovi.

  4. utente anonimo

    Brutto, malfatto e senza sfoggio di creatività. Approvo.

  5. Io sarei solo invidioso dei soldi di quell’uomo: paga il mantenimento a due mogli, quattro figli e dio solo sa quante amanti (vuoi mettere che lui non sappia quant’è bella la camporella su un’auto come quella? 😀 )… e ha perfino quella macchina “così…sì…sì grande… ande.. ande…nde…de”!!

  6. utente anonimo

    Bellissimo post…soprattutto perchè anche io avevo trovato solo stupida quella pubblicità.
    ps: mi dò un attimo delle arie e dico che io avevo colto il riferimento a Marziale…eh il classico lascia, appunto, questi ricordi inutili 🙂
    cheers,Silvia

  7. Ciao ^^ Ho scoperto il tuo blog da poco, ma ho già letto la maggior parte dei post XD. Ti faccio i complimenti, sei una mente intelligente e purtroppo non è così facile trovarne al giorno d’oggi. Riguardo a questa pubblicità ti do pienamente ragione, anche io sul mio piccolo spazio nella rete l’avevo citata nel mio ultimo post.

    Auguri, hai una nuova lettrice XD

    Besos, Jonathan.

  8. utente anonimo

    Brutto, malfatto e senza sfoggio di creatività. Disapprovo. 😀

    — Ulisse

  9. utente anonimo

    Grande, oserei consigliarti di parlare un po’ della spot della Hyundai i30:
    http://www.youtube.com/watch?v=mk8jApb8JtM

  10. utente anonimo

    Sai cos’è? Oggi, nell’epoca di “KAIL XY”, in cui i figli te li crei in una vasca da bagno, è facile perdere il conto di quanti ne hai… E poi per un tizio dall’aria da VIVEUR come quello della pubblicità non deve essere stato difficile avere stuoli di donne ai suoi piedi…

    Scherzi a parte… STA’ PUBBLICITA’ FA PROPRIO SCHIFO…

    Aladel ^__^

  11. Chettelodicoaffa’ che la parte che preferisco è il P.S.

    :*

  12. Sperminator!!!!!! XD
    Lo spot è oRendo, ma ha il merito di averti suggerito questo gustoso e azzeccato ritratto!!!

  13. utente anonimo

    Finalmente!!! Non avevo mai visto lo spot intero, e non mi tornavano mai i conti sui figli..
    Perché se hai fatto caso, hanno tagliato il riferimento al ‘figlio appena scoperto’, Mattia, ma hanno lasciato il commento su Sofia, la sua ‘terza figlia’. E io lì a chiedermi se contasse i due gemelli come uno, o se abbia dimenticato un figlio in bagagliaio.

  14. utente anonimo

    Da quel che ho capito io i gemelli sono figli solo della “nuova” e “attuale” moglie mentre Sofia è di entrambi…perciò le mogli sono solo 2 e i conti dei figli tornano: il primo è Mattia, secondo Daniele e terza appunto Sofia! che caos…ma piuttosto…che pubblicità orrenda!!!! Quando l’ho vista ti ho pensato subito!
    Ciao
    Giulia

  15. Leggo, apprezzo e condivido. E ora vado clamorosamente OT per farti una domanda: ma la nuova pubblictà del Gran Soleil, quella dove i “cuochi” spiegano alla massaia rintronata come si fa a mettere lo scatolino del freezer, perchè esiste? perchè qualcuno non legge le istruzioni? Un saluto, leggerti è sempre un piacere, specie quando citi Marziale.

  16. utente anonimo

    Plagio totale… ogni volta che esce uno spot nuovo io penso di segnalarlo o chissà che ne pensi… Ahahah Lo stesso succede con roba tipo:

    http://www.youtube.com/watch?v=6tbyjn0fb1A

    Che secondo me è meglio di ste genialate “moderne”…

    Saluti a tutti 🙂

    Fyaa

  17. Questo tizio non conosce l’esistenza dei contraccettivi?
    Cmq è vero,il figlio quindicenne lo guarda schifato.
    E dagli torto!!

    Aerie

  18. utente anonimo

    Della pubblicità non si capisce una beata mazza in effeti, visto che trovo MOOOOOLTO difficile che questo tizio possa permettersi una macchina se davvero è talmente imbecille da accorgersi che le piccole cose che gli si muovono in casa tutte le sere sono figli (fors suoi) solo dopo, appunto, 15 anni.
    Mi limito a credere che tale spot sia stato semplicemente concepito (appunto) male, malissimo, e che venga trasmesso solo per il gusto di leggere la relativa analisi su questo blog.

    Gianmario Busella (Nome d’arte)

  19. Ok, ora resta da capire che fine ha fatto la madre di Mattia…

  20. E comunque questo spot mi fa venire il mal d’auto, retaggio di quando gli scarrozzamenti li subivo -__-“

  21. gli spot sono realizzati perchè se ne parli…..e questo ci è riuscito….
    ciao e complimenti per le osservazioni

  22. utente anonimo

    Ciao!
    Come al solito hai fatto un’analisi tagliente. Bravo!
    Mi sono fermata a riflettere…. Sai che ho visto lo spot tantissime volte e mi sono persa a cercare di capire chi è figlio/figlia di… etc.
    MA NON MI RICORDO DI QUALE AUTO SI TRATTI?
    Tipico esempio di una pubblicità che manca il bersaglio, e cioé far ricordare il prodotto pubblicizzato.

    E mi aggiungo all’opinione dell’utente sul Grand Soleil. Quando hai tempo…. apprezzerei uno dei tuoi commenti al riguardo.
    Emanuela

  23. Ciao Jon…mi permetto di porre alla tua attenzione questo video.
    http://www.youtube.com/watch?v=5wiKIHqdcbc

    L’ho visto per la prima volta al cinema e son rimasto interdetto.
    A parte la squallidita’ mi hanno fatto notare ( i miei amici ) che questa roba colpisce i giovani…. .
    Se un giovane viene colpito da una cosa del genere mi auguro si ritrovino il Padre del tipo della pubblicita’ , presto nel letto….al resto ci pensera’ lui…. ( e poi se era in fila anche il padre certo non puo’ mettere nessuno in lista altrimenti era gia’ dentro…).

    Saluti e tanti tanti complimenti!

  24. Carissimo Ivan, pare che i nostri pareri in merito divergano di molto!

    Se hai piacere, ti segnalo questo link

    http://leuovadelnonno.splinder.com/post/19000247/Modus+Vivendi

    che porta a un post che scritto proprio su quello spot (e sull’altro della serie Twingo).
    Ti premetto che leggerai un’opinione opposta alla tua 🙂

    Grazie di cuore per i complimenti, ti auguro una buona serata!

  25. Ho visto la pubblicità in tv, è tagliata della parte in cui dimentica i gemelli e parla del figlio appena ritrovato.

    Aerie

  26. Ho visto, il Moige (o entità altrettanto minacciosa) deve aver colpito 😀

    Il Moige dovrebbe essere una carta Magic, di quelle distruttive.

  27. e pensare che questa pubblicità nn era riuscita a ritagliarsi nemmeno un angolino nella mia testa… ho visto il video su youtube x poterla ricordare.. e direi proprio che nn mi sono persa nulla!!

  28. che analisi sottile…complimenti!! ora mi spulcio per bene il tuo blog!! 😀

  29. utente anonimo

    Oggi l’ho vista di nuovo senza censure…

  30. io invece pensavo che, dati i miei problemi nel concepimento di un pargolo, avrei dovuto sposare questo signore qua!

    Sabrina

  31. utente anonimo

    … per non parlare del fatto che fa retromarcia a fianco ai due gemelli, col rischio di metterli sotto mentre loro giocano… ma sì, tanto 2 più o 2 meno…
    Sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...