Il supereroe

Bisogna parlare dell’uomo Conad e dei vari spot che lo vedono protagonista.
Lo so cosa state per dire: noi non vogliamo sapere niente dell’uomo Conad! È giallastro e malevolo! Avete ragione, amici miei. Ma sento che se non ne parlassi salteremmo colpevolmente una pietra biliare dello spot italiano, nel senso che prima ce ne liberiamo, meno ci roviniamo la salute.
Il primo spot risale al 2013. Sopportiamolo insieme.

L’uomo Conad si chiama così perché è un supereroe. Veramente! Guardatelo come è preoccupato per le sorti dell’umanità, non riesce a prendere sonno, neanche se si impegna. Allora decide che, se non riposa lui, neanche la moglie può, così le picchietta il dito sulla testa finché non si sveglia – e lei nono gli dà neanche mezza gomitata.

«Amore, c’è un problema.»

Mentre rabbrividiamo di suspense, scopriamo che la moglie è un monumento all’insicurezza patologica: anziché assicurarsi che il problema non sia, che so, di salute, chiede subito se il problema è tra di loro. Lei è ancora mezza addormentata ma già aveva in canna il timore che lui la volesse lasciare. Cominciamo bene.
A quella domanda lui nega, peraltro con una espressione che sembra dire “ma che c’entri tu, che vuoi?!” veramente simpatica.

«Il problema è tra la gente. Devo andare!»

Con questa frase da supereroe del comune sotto i 1500 abitanti, l’uomo Conad lascia l’appartamento e attraversa la città di notte, allo scopo non di assassinare estranei, come tutti ormai ci aspettiamo, bensì per fare il supereroe! Guardiamolo entrare al supermercato e accendere il generatore al plutonio, così può vedere meglio di cosa va riempiendosi il carrello, spiato dalle telecamere che renderanno tutto più facile al processo per furto.
Dopo di che, contemplato il malloppo con soddisfazione, lascia tutte le luminarie accese e se ne va, pronto a tornarsene a lettuccio. Diciamo che emerge come il problema non sia tanto tra la gente, quanto nella sua psiche. Ma quando si è supereroi subentra la fragilità, lo sanno tutti.

Saranno cambiate le cose, un anno dopo?

No.

Si esordisce con il mai abbastanza sfruttato “Allora vieni a letto?”, che è una frase che dovrebbe essere incenerita insieme a “Tuo padre è un ladro? No perché le stelle…” e quelle cose lì.
Ma soprassediamo, perché il dialogo è molto importante. Il nostro protagonista siede nel semibuio della cucina con lo sguardo dimesso e dice che stava pensando. Ma se ve la racconto così ve la nobilito, dovete guardarlo, e dovete osservare la moglie che fa

«Ad un’altra donna?!»

in un modo che viene da premerle la faccia in un mazzo di ortiche. E certo che pensa a un’altra donna, l’hai preceduto di un attimo perché stava giusto per dirtelo come si fa in questi casi. Sai cara stavo pensando a un’altra. Vabbé. Mi passi il sale?
Ma noi è dal 2013 che sappiamo che questa donna è malata di insicurezza e qualsiasi cosa le dica il marito è sicuro che c’ha un’altra.

Va detto che la recitazione è altissima: la signora passa tutti gli stadi del Telegatto: incredulità, sgomento, paresi, disprezzo.

no need of you, Anna Magnani

E va pure detto che lui questi stadi se li merita tutti, perché un entusiasmo esagerato e immotivato me lo aspetto e lo apprezzo dalla Melevisione, non da questo triste individuo vestito da patologia al fegato, che risponde:

«A milioni di donne!»

Oh. Mi sa che sono stato affrettato nel giudicarlo. Come si fa a dormire, infatti, se si pensa a tutte quelle povere studentesse rapite in Nigeria di cui non va più di moda parlare, o a quelle poverine in Paesi arretrati come India, Pakistan, Afghanistan o, il cielo ce ne scampi, in Italia? Come si fa a dormire, ma davvero! Io chiedo scusa per essere sempre così prevenuto, ascoltiamo il signore.
Dicevamo, egli (che, non so se ve l’ho detto, è un supereroe! Sul serio!) pensa alle donne. E ha deciso che per loro ci sono prodotti che costeranno meno.

«Pasta, caffè…»

Se il declino concettuale intrapreso non fosse abbastanza evidente, i creatori vigliacchi fanno dire a lei “farina”, come se fosse un’idea sua, prima che concluda lui con “latte”. Ma è giusto eh, alle donne servono queste cose, devono fare il pane. Lui non lo dice, perché è umile, ma nel ricco paniere delle offerte che molto misericordiosamente offre, ci sono anche la pummarola, il sapone per lavare i piatti a mano uno ad uno insieme ai coltelli insanguinati del marito tornato dalla caccia e altre cose che, ci tengo a ribadirlo, servono alle donne in primis, cioè i corn flakes, i bastoncini di merluzzo e la carta per il gabinetto. Laudato sii, Conad Man!

«Non è una bella idea?»

Chiede lui scodinzolando prima di infilarsi sotto le coperte in tinta col viso.
La moglie, invece di ricordargli con un pugno che le donne non sono universalmente considerate macchine sfornavitto ormai da qualche decennio, che è inutile fare i fighi con la farina che già non costa niente e che il problema è dare accessibilità a beni di prima necessità che servano a tutti, senza scomodare la baggianata della massaia addolorata, gli dà corda! Bravissimo, bravissimo, sai anche cosa? Stasera te la do! Ma signora, ma davvero? Ma Lei c’ha gli standard più bassi di un’asticella all’ultima manche dei Mondiali di limbo, se lo lasci dire.

Si intensificano, peraltro, le molte ombre su come quei prodotti raggiungano poi la sua tavola in particolare, giacché l’uomo Conad, in merito, non dà mai risposte chiare.

Quando la moglie gli chiede se voglia un po’ di carne, fa lo splendido e dice ci penso io!

«La nostra carne è più buona, è controllata e costa meno!»

…che non vuol dire niente: che sia più buona è una tua opinione, che sia controllata lo spero bene, che costi meno non ho dubbi perché mi sembri il tipo che si aggira fischiettando verso il reparto macelleria, prima di agguantare un petto di pollo e ficcarselo nella tasca del grembiule.

La stessa cosa accade con le verdure.

«A quanto le vendete, le verdure?»

Si informa la moglie.

«A un prezzo affettuoso!»

Risponde prontamente lui. E questo per sottintendere che si prende una treccia di pomodori soleggiati, una cassa di melanzane e sei cocomeri e affettuosamente se li carica sul Doblò, sfondando la saracinesca del carico/scarico mentre esce a tutto gas.

A questo punto, so cosa state per chiedermi: va bene che l’Uomo Conad è un supereroe, ma che potere ha?
Ha un potere fantastico: può dire ovvietà come se fossero esternazioni di rilievo; può dire che abbassa i prezzi di quattro cose per fare un favore alle donne senza che nessuno contesti l’opportunità delle sue parole e soprattutto senza che nessuno noti che uno da solo non decide proprio niente; si autoproclama salvatore universale e non solo la moglie non si stufa delle sue inutili manie di grandezza, ha pure paura che la lasci lui. Ce ne sono tanti con lo stesso potere di comportarsi male senza che qualcuno si scomponga. Accade in politica, nell’industria, quasi certamente anche nell’ufficio dove lavorate. E se state pensando che i Conad Men siano proprio un bello schifo di supereroe, avete ragione. Ma un modo di sconfiggerli c’è: non pensare più da vecchi italiani.

O lanciargli una dozzina di uova marce quando esce dal Conad. Anche quello va bene.

Annunci

16 commenti

Archiviato in Povere Donne

16 risposte a “Il supereroe

  1. Tu scrivi poco.
    Ma quando scrivi scrivi diamanti!

  2. l'Ingegnere

    Neanche una parola sul fatto che nella versione 2.0, invece di saccheggiare il supermercato, saccheggia la dispensa di casa e la moglie è pure contenta?

    Ciao,

    l’Ingegnere

  3. svizzera

    Ahhh… Ero passata come ogni mattina, ormai con poche speranze, e invece… Evviva!
    A me che non ho la TV italiana (e non guardo quella locale), questi spot mi spalancano abissi. Fortuna che ci sei tu a ridicolizzarli…

  4. lorettascars

    E finalmente! Magistrale come sempre.

  5. l'Ingegnere

    Piccola segnalazione.

    Guarda prima questo spot: http://www.youtube.com/watch?v=4vqBrsbkvUE

    E poi guarda questa scena dei Simpsons di vent’anni fa:

    Riesci a vedere la minima somiglianza?

  6. MartHa

    Un ritorno col botto! Ho adorato e condiviso ogni riga del post 🙂

  7. Ripensando alla moglie del mentecatt… del supereroe, ho sempre pensato che lei sperasse che lui avesse un’altra, solo per avere la separazione con addebito 😀 bellissimo pezzo, comunque

  8. Io mi sento sempre poco bene… pensando a quei poveretti che alla CONAD ci lavorano e si devono sorbire le prese in giro.
    Solidarietà di una che ricorda bene come si sta a sorridere al cliente quando magari avresti voglia di piangere, ma non gliene potrebbe fregare di meno a chi vuole un etto di crudo.
    Giustamente, ognuno ha le sue croci.
    No che davvero c’è gente convinta che se uno sorride sta bene solo lui… ma se ti sbagli ad essere giù: OH che lagna che sei.
    I vaffanculo che verrebbe voglia di tirare li sa solo il padreterno, cioè… li saprebbe se esistesse. OPS!

    Dicevo i commessi della Conad…
    … un giorno faranno una class action assieme a chi lavora alla COOP, a quelli dei CRAI e gli altri aggiungeteli voi.

    E tutti assieme bruceranno i pubblicitari sotto il sacro acromino della… UPIM.

    Per quelli troppo giovani per ricordare di cosa parlo: Unione Per Imbrogliare Meglio, lo rammento una trentina di anni fa quando andavo alle medie. 😉

  9. Ciao Jon, bentornato!! In questo post mi sembri mio papà, ultimamente è un po’ polemico con la stupidità di certi personaggi 🙂 Diciamo che io preferisco essere più possibilsta e continuare a credere che in fondo ci sia del buono nella gente, sono un’illusa?? 🙂
    A tal proposito volevo segnalarti questo spot, magari l’hai già visto
    https://www.youtube.com/channel/UCa1yUHQmV6Z0PpAUtfgNd9g
    Ciao, buona serata!

  10. Simona

    Ciao da una assidua lettrice che di solito non commenta….d’altronde l’Uomo Conad si commenta da solo!
    Sono contenta di questo nuovo post…ma a questo punto vorrei un pezzo sul “Biscottone Inzupposo” del Mulino Bianco….
    che dici? secondo me non è da tutti fare la parodia di se stessi!!!
    Simona

  11. *Due ore di applausi*
    Vorrei solo dire all’Uomo Conad che lavorare in un supermercato non ti dà il diritto di entrarci nel cuore della notte, che la verdura e la frutta non sono esposte sempre e che la roba la devi comunque pagare. Lo so, non è specificato che lui rubi la merce, ma a me dà quell’impressione (anche a te, sembra…)
    Ottimo post, ma non c’è da stupirsene.
    Aggiungo che questa frase “Ma un modo di sconfiggerli c’è: non pensare più da vecchi italiani.” ti fa guadagnare minuti di applausi supplementari.

  12. Valeria

    Faccio una cosa che non mi piace: andare ot. Ma ti prego. Ti supplico. Non puoi tacere sul nuovo spot Amica chips.
    Jon, se ci sei, palesati!

  13. L’ha ribloggato su Uno contro Centoe ha commentato:
    Fantastico, come sempre

  14. Geniale come sempre, e come sempre mi trovi d’accordo con quanto scrivi

  15. Suzywong

    Bentornato,
    Lei è insostenibile, ma se chiede il divorzio ha ragione.

  16. I tuoi post sono come sempre esilaranti e magistrali!
    Ma io vorrei aggiungere una cosa, che m’inquieta moltissimo: perché dall’anno scorso i due coniugi Conad si sono scambiati i posti nel letto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...