Archivi categoria: Game of Thrones

Mille modi per morire

Il finale di stagione di Trono di Spade adopera la sua formula vincente: non succede nulla di che, ma vuoi o non vuoi ne schiatta uno che vi piaceva. Fate altro, dunque, anziché guardarlo, vendete polizze ai grilli nei prati, contate gli spinetti ai porcospini, dipingete sorrisi sui sassi. Se volete, qui c’è tutto quello che serve sapere, nella solita marea sanguinosa di spoiler.

Episodio 5×10
Titolo: Mother’s Mercy
Titolo più onesto: Quando l’inverno arriverà non ci sarà più nessuno ad attenderlo

Al Campo Stannis, Melisandre è contenta: i ghiacciolini si sciolgono! Ma Stannis non è soddisfatto, eppure dovrebbe esserlo, considerato che ha bruciato viva la figlia per qualcosa che la primavera avrebbe fatto il mese dopo (perché tutti dicono che l’inverno stia arrivando, ma è facile dirlo quando ti accampi in Alaska.) Poco dopo, si svolge una scena che è un po’ la trama delle barzellette: «Sire», dice un soldato. «Dimmi», risponde Stannis. E il soldato, uno diverso ogni volta, o lo porta dalla moglie che si è impiccata a un albero, o comunica che metà dei soldati ha deciso di disertare, o annuncia che anche Melisandre ha acchiappato un cavallo ed è fuggita. Proprio come in una barzelletta vera, alla fine uno proprio si sforza di ridere, ma non ce la fa.1. Stannis
Nel frattempo, Jon Snow è molto noioso.

2.Jon
Sansa scassina una porta con l’apribottiglie, o se preferite è una scena de La signora in giallo, è uguale.dSo che vi gira la testa ma vi assicuro che non è la cervicale, è che qui a Game of Thrones o si salta di palo in frasca o non si dorme tranquilli.

Brienne è sempre lì, dove l’abbiamo lasciata negli episodi precedenti, a guardare fuori. Sul serio, è la stessa locanda, solo che sono passati duecento anni, l’oste è morto e sono cadute le pareti. Il suo valletto l’avverte trafelato: c’è Stannis! Brienne non si fida, come fa a sapere che si tratti proprio di lui? Il valletto risponde che ha visto i cuori fiammeggianti, che è uno stemma buono appena appena per una gang di motociclisti. Lei ne è tanto destabilizzata che lascia la sua postazione. Finisce così che Sansa accende la famosa candela sulla torretta nell’unico momento in cui la cavaliera non la sta guardando. Una cosa dovevi fare, Brienne of Tarth.

brienne

Stannis e la dozzina di uomini che lo seguono le prendono forte dai Bolton. Finito in un boschetto e ferito gravemente, egli riposa sotto a un bel pino. Ma non si può stare mai in pace, perché arriva Brienne, sì, quella che non sta rimanere al suo posto per più di duecento anni. «Ho visto la fumata nera del Conclave con la tua faccia uccidere Renly, eri tu?» Era lui. Brienne lo uccide e speriamo che almeno un po’ di malinconia le passi. Un espediente sottile di regia ci suggerisce che tutti gli altri sono morti.

morti
A Boltonsport, Theon butta giù dal balcone l’amante pazza di Ramsay, che voleva fare del male a Sansa. Poi, in un picco di adrenalina intelligente, i due saltano dall’alto come due entusiasti dell’LSD che hanno appena visto Dumbo in VHS.

thesansa
La guardia pedofila picchia con un bambù tre povere bambine a scopo selettivo. Quella che non piange vince una serata con lui. Per fortuna si tratta di Arya, che lo acceca, lo torturicchia e infine lo sgozza.
Ma quando torna al regno di Indovina chi?, l’uomo Multifaccia la sgrida per aver ucciso l’uomo che sbagliato e per aver preso una maschera senza permesso. Poi si uccide, ma non era lui, ma uno con una faccia diversa sotto e un’altra e un’altra ancora e… non c’è modo di spiegarlo, sembra un cartone dei Looney Tunes; vi basti sapere che, pur non guardare più ‘sta roba, Arya diventa cieca.4.Arya
Jaime, Myrcella e un galeone della flotta inglese sono gli ingredienti per un romantico film familiare, intitolato Zio, sei anche il mio papà! Molto bello e commovente, racconta la storia di una ragazzina stupida che si fa baciare con la lingua da una mentecatta assassina e che poi si stupisce di morire avvelenata.
myrc

Frattanto, a Veracruz, Messico, Tyrion, Sebastiano e Faabio sono seduti sui gradini, tutti preoccupati, manco Khaleesi fosse in sala parto. Si aggiunge Verme Grigio, che si è svegliato ora, non è molto lucido e abbaia per cacciare Sebastiano. Dopo averlo accarezzato e premiato con una rondellina di wurstel, gli altri decidono che Seba e Faabio andranno a cercare l’amata principessa. Verme, che nel frattempo ha già mangiato il suo premio, si dispiace di non poterli seguire e ci regala la sua tipica espressione del bambino allergico che ha appena pestato un’ape.

verme
Ah, è tornato Varys. Noto solo ora una vaga somiglianza con Federico Moccia. Se fosse lui, si spiegherebbero i suoi sporadici racconti raccapriccianti.

Khaleesi si è persa al Supramonte di Orgosolo e il suo drago ha una ruota bucata. Sporca come ai vecchi tempi, passeggia finché una tribù simil-Navajo di sua conoscenza la accerchia – e pare non avere alcuna intenzione di chiamarla ‘mamma’.misaaa
Cersei non ne può più della prigionia e confessa qualche avventura tra cugini, ma tralascia quella storia del fratello per precauzione. Dopo la confessione, viene lavata dalle suore con delle spugnacce da autolavaggio e subisce il taglio dei capelli.
«Come te li faccio, tracollo emotivo di Britney Spears?»
«No, grazie, pensavo più a Julia Roberts che intepreta Trilly in Hook, Capitan Uncino
Va detto che il risultato è un po’ più Gollum.

11006_cap_1

trilly2

tumblr_mg7o5hSpbJ1s2bzt8o1_500
Cersei è poi costretta ad attraversare nuda tutta la città, mentre le suore esclamano “Vergogna!” e scandiscono il tempo con una campana per vacche, l’ironia. Al di là della scena, faccio notare come quattro monaci disagiati contengano la folla inferocita molto meglio di come Roma abbia gestito gli olandesi ubriachi in Piazza di Spagna.

Il decolleté di Melisandre fa il suo ingresso alla Barriera e lei recita la parte dell’affranta con sguardi languidi e sconsolati, ma Jon non può vederla perché è impegnato nella sua lettura preferita, i biglietti dei Baci Perugina.
baci
Viene disturbato dai colleghi, che lo attirano in una trappola e lo pugnalano tutti a turno, incluso quel lagnosissimo bambino inutile. “For the watch!” dice il pugnalatore, ogni volta diverso. “For the watch!”
E Jon Snow muore così, tradito, confuso, chiedendosi di che cavolo di orologio stessero parlando.

addio

12 commenti

Archiviato in Film e Telefilm, Game of Thrones

Snow of the Dead

Poteva mancare il riassunto della settimana? Vi rispondo subito: poteva benissimo. Ma se doveste scoprire di aver fatto una scelta sbagliata, nella vostra vita, potrete sempre ricordarvi che in questo episodio la trovata più intelligente è stata bere l’acqua dalle fughe del pavimento.

Episodio 5×08
Titolo: Hardhome
Titolo più onesto: Jon Snow non solo non sa niente, ma capisce anche poco

Catfight tra Khaleesi e Tyrion, sotto lo sguardo vigile degli addominali di Missandei. Sebastiano vorrebbe dire qualcosa, immagino la sua fortunata frase Vostra Grazia, vi amo!, ma gli intimano subito di starsene muto in un angolo e lui obbedisce, perché tanto è abituato. Si discute di cosa fare di lui: Khaleesi vorrebbe ammazzarlo e Tyrion comprende il sentimento, ma si pronuncia a favore di Sebastiano, che è espulso da Acapulco con effetto immediato. Beh, “espulso”, diciamo che lo mettono alla porta e gli dicono «Va’!», che è un po’ quello che facciamo noi coi pregiudicati stranieri.

jorah
Nelle segrete, Cersei viene percossa dalla badessa con un mestolo da brodo.

cersei1
Arya si allena con l’uomo Multifaccia per il Campionato di Panzane. Avrei detto che giocavano a Dungeons&Dragons, ma mancano i dadi, quindi non hanno neanche una buona scusa. Arya si inventa che è la principessa Leia e che fa la cozzara, una storia comunque più credibile di Trono di Spade e che finisce con recupero crediti e avvelenamento.
L’altra apprendista esprime il dubbio che Arya non sia pronta, ma l’uomo Multifaccia risponde che non fa alcuna differenza per lui, il che la dice lunga sulla sua vocazione didattica.

arya
Cersei riceve un avvocato d’ufficio che le dice che Tommen non ha ancora ripreso appetito.

cersei2

Demolito in quattro secondi dalle frecciatine di Sansa, potenti come una manciata di foglie secche, il povero Theon vuota il sacco e ammette che Bran e Reckon sono ancora vivi – o cielo, speriamo solo che non ce li mostrino, quegli scout tediosi.

Sansa
Discussione per capire come si appoggia il goniometro per tracciare un angolo dato sul naso di Lord Bolton.

bolton

Si è fatta ora di merenda; è dunque naturale che Tyrion e Khaleesi stiano sbevazzando quella vinaccia rossa che va tanto lì. Daenerys lo assume come consigliere e lui come prima cosa le consiglia di smetterla di accumulare poveracci come carte Pokémon.
In coda, apprendiamo che Sebastiano non ha preso bene l’espulsione e si fa assumere come gladiatore dall’uomo che l’aveva comprato, perché lo scopo della sua vita è stupire Khaleesi con sorprese che gli sottraggano dignità brandello dopo brandello.
Lasciatemi sottolineare ancora un dettaglio importante: l’acconciatura di Daenerys la fa somigliare a un carretto di Twisted Churros.

khaleesi
Cersei rivive l’incubo di ogni essere umano: la mensa all’asilo delle suore.

cersei3
Dopo essere stato medicato con il fango, Sam riceve la colazione da quel pesantissimo bambino mesto, che si lagna dell’alleanza di Jon Snow con i Bruti. Dacci un taglio, Semola: gli hai ucciso la fidanzata, siete pari.

moccioso
Jon Snow e il suo bastone da pimp approdano in un posto (che non so come si chiami, immagino Brutosport o giù di lì) che si distingue per essere la terra delle mimetiche invernali. Si avvicina un uomo ricoperto in modo molto creativo da tanti ossicini messi insieme, che insinua con educazione che tra Jon Snow e Tormund ci sia una romantica simpatia, ma l’ha detto guardate in modo così delicato, che non si spiega come mai Tormund gli fracassi il cranio con un bastone. E so che non ci dovrebbe piacere, questa violenza cieca, però se ascoltate bene mentre picchia sugli ossicini si sente un suono di xilofono che è una bellezza.
Quasi tutti i capi dei Bruti, tra cui una signora veramente notevole anche se  sembra un po’ una di quelle mamme che bevono Merlot alle dieci di mattina, decidono di allearsi con Tormund e Jon per battere i fantasmi catatonici. Ma è troppo tardi, perché l’esercito di scheletri ha circondato il ranch ed è un gran peccato che il Capo Bruto con gli ossicini sia morto, perché avrebbe trovato un mucchio di nuove decorazioni.
Il problema principale, nel parapiglia, è che ‘sti geni si sono persi l’ossidiana, l’unica arma che possa uccidere gli zombie di ghiaccio. Ci sono battaglie: il povero Jon, a causa della sua pessima strategia, cioè non avere strategia, è ferito; la mamma bella, nonostante il valore provato in campo, muore uccisa da uno sciame di zombambini e tutto sta andando malissimo senza dubbio, perché hanno messo una musica triste con strumenti ad arco.
Migliaia di nuovi scheletri rotolano giù dalla montagna e i pochi che sono rimasti vivi finalmente capiscono che è ora di telare. Dalla barca che si allontana, Jon Snow scopre con sgomento che i morti, con l’opportuna spinta di un comandante ghiacciolo, diventano zombie di ghiaccio a loro volta. Si può vedere con chiarezza, lo struggente attimo preciso in cui si rende conto della terribile verità: puoi lottare strenuamente, chiuderti nella Barriera, puoi pure solcare i mari, ma alla fine ti ritrovi sempre e comunque davanti una robaccia con gli zombie à la The Walking Dead.

JS

5 commenti

Archiviato in Film e Telefilm, Game of Thrones

Tronò™

Voi, che siete indietro e vi manca l’ultimo episodio del Trono di spade!
Magari siete state impegnati, non l’avete ancora guardato e non trovate il coraggio di perdere tutto quel tempo a recuperare. Magari ancora siete sicuri di non sopportarlo più, ‘sto telefilm alla deriva, ma vi sentite esclusi quando i vostri amici ne parlano… Da oggi è tutto risolto grazie a Tronò™!

tronòTronò™ è una guida rapida e di facile apprendimento, che vi garantirà un’idea precisa di tutta la puntata, grazie alle schede esaurienti e all’aiuto della funzione Mood™, che indica lo stato d’animo con cui dovrete parlare del segmento corrispondente, se salta fuori il discorso al bar.

Se non siete ancora convinti, ci rivediamo quando vi accorgerete che questo episodio dura sessanta minuti.

 

Episodio 5×07
Titolo:The Gift
Titolo più onesto:Gli Orologi della Notte hanno rotto. E anche la neve

Gioioso raduno nel cortile dei Cavalieri dell’Apocalisse; consueto gran sfoggio di pellicce Annabella, ma Sam si ostina ad optare per un trapuntino di Conte of Florence, perché non sai mai che a un certo punto la cosa non si trasformi in un picnic sul prato.
Poco dopo, l’anziano Aemon suggerisce a Sam e Gilly di portare il bambino a Sud: ci voleva un saggio per notare che quel freezer di Barriera non è posto dove far stare un neonato.
Mood: Pomeriggio di Natale dal bisnonno in casa di riposo

uno

 

Sansa sta subendo ogni peggio, così si affida a Theon, la persona di cui non ci si può fidare neanche per imbucare una lettera, e lo supplica di portare la candela sulla rocca così i suoi fedeli sapranno che è ora di portarla via da quel manicomio.
Mood: I’s too late to apologize dei One Republic

due

 

Brienne continua a guardare un castello.
Mood: Il sentimento di quando uno salta la fila e si mette proprio davanti a te

3

 

Aemon insiste a chiamare il neonato “uovo”, ma poi smette, perché muore. Il che almeno crea un evento sociale alla Barriera, il funerale: momento in cui tutti si radunano e finalmente si accende un falò.
Mood: Harry Potter e il Nonno Salice di fuoco

5

 

Sansa insulta suo marito, una tecnica per farsi ammazzare che è proprio una trovata brillante, quasi quasi mi aggrego. Ciò che importa a noi finti spettatori è che Theon la candela l’ha portata a Ramsay, che ha scuoiato l’amica di Sansa, che insieme alla candela le aveva dato un mucchio di indicazioni contorte.
MoodSaw III

4

Nel reparto ‘altra neve’, all’accampamento di Stannis tutti hanno la broncopolmonite (ricordo che sono partiti dalla Barriera tipo trenta minuti prima). Ser Davos mette in guardia:
«Sire! Qui tossiscono tutti! Che mi dite?»
«Sta arrivando l’inverno!» Replica Stannis, re carismatico, competente, intelligente, opportuno, mai scontato.
Arriva Melisandre, ma rimane coi vestiti addosso, giuro che non me l’aspettavo. Propone un rito dei suoi, credo implichi sgozzare la figlia di Stannis o qualcosa del genere – ed è troppo anche per lui, tanto che la manda via prima che riesca a denudarsi, nonostante il consueto abito a sgancio rapido.
Mood: Spot Borocillina coi diavoletti della tosse

6

 

È da un po’ che non mortifichiamo una donna, come rimediare? Facciamo aggredire Gillyflower da due Orologi della Notte! E aggiungiamo anche un po’ di bullismo nei confronti di Sam, offre la casa. Deve venire un metalupo a rimettere ordine, per dire. Poi a Gilly vengono due belle pensate: la prima, quando getta in mezzo la frase: “la prossima volta LASCIALI FARE!”, per gratitudine. La seconda è pressapoco così:
“Sai cosa Sam? Che ne dici di approfittare di questo fresco sipario di violenza e soprusi per avere un rapporto sessuale? No ma se vuoi eh, è un’idea, la prima cosa che viene in mente in questi casi.”
Mood: Un giorno in pretura

7

 

Nel frattempo, a Palm Beach, Sebastiano Somma è messo all’asta ed acquistato insieme a Tyrion dal responsabile dei Giuochi di Danisport. Chissà dove verranno portati!!! No, scherzo, non interessa a nessuno.
Khaleesi e Faabio si sollazzano tra lenzuola dorate pacchianissime e cuscini a squama di drago di cui apprezzo almeno la coerenza tematica. Faabio cerca di farsi sposare.
Mood: Telenovela di Retequattro ambientata in Baviera.

8

 

Olenna bisticcia con il sacrestano, ma prima si rivelano quali sono le rispettive ossa scricchioline. Lui cerca di venderle un libro esoterico, poi le fa un discorso proletario sul grano che neanche Tolstoj.
Mood: Testimoni di Geova la domenica mattina; le parti di Anna Karenina dove non c’è Anna Karenina

9

 

Il piccolo Tommen non vuole mangiare. E ha ragione, avessi una moglie così in carcere sarei in preda alla disperazione pure io. Cersei sembra provare emozioni, ora però non saprei bene dirvi quali. Si ipotizza di parlare con l’Alto Passero e sinceramente io punterei piuttosto sul Gufo Uffa di Winnie the Pooh che ha sempre trovato soluzioni creative ai durissimi problemi del Bosco dei Cento Acri.
Mood: Gli ultimi due capitoli di Piccole donne crescono.

1

 

Jaime parla con la figlianipote che dice tipiche cose da adolescenti: lo amo, lo sposerò, a proposito, zio che mi somiglia molto ma non sospetto niente perché sei il gemello di mia madre quindi grazie alla mazza ferrata che mi somigli, ti preferivo quando avevi ancora l’altra mano.
Bronn, nelle segrete, canta una canzone che piace a una delle Oberine, tutte e tre imprigionate nella cella di fronte (e tralasciamo che siano abbigliate come a un saggio di danza contemporanea). L’Oberina entusiasta ha problemi di freni inibitori, per cui si denuda e pretende che Bronn le dica che è la più bella nell’universo e quando lui avanza dei dubbi, gli dice una cosa come “scherzetto, tre ore fa ti ho avvelenato, adesso muori! Ma se dici che sono la più bella del reame ti do l’antidoto”. Con grande buonsenso, Bronn ritorna sui suoi passi. Con ‘sto sistema Biancaneve finiva in tre minuti. Se vi chiedono un parere al bar, guardate lontano, scuotete la testa e sussurrate: «Abbacinante…»
Mood: Pornhub, “Horny teen teases old man”

2

 

Tutto è pronto per una ghiotta esibizione  e Sebastiano si concentra per fare bella figura e incidentalmente per rimanere vivo. Ma chi assiste ai Giuochi? Khaleesi, con il suo promesso sposo! Che caso incredibile. Se vi dicessi che non mi sto appassionando, vi direi la verità.
Seba la vede da un finestrino ed è tutto un fermento, così si mette l’elmo e va in arena (= un campetto di sabbia per gatti di tre metri quadri) e combatte contro tutti. Khaleesi, che fino ad allora era lì lì per vomitare su Lionel Richie, si interessa a questo misterioso gladiatore e pensa “allora ho fatto bene a vestirmi come se fossimo agli Oscar del 1985”. Quando scopre che si tratta di lui è schifata come non mai, ma quando scopre che le ha portato un regalo diventa subito più disposta ad ascoltare. Il regalo è Tyrion. Vabbé dai, magari Sebastiano ha lo scontrino.
Mood: History Channel presenta I segreti inventati del Colosseo

10

 

Cersei porta a Margaery del ragù di cervo e un po’ di ingiurie, ma la prigioniera non gradisce e le tira indietro sia l’uno che le altre. Dopo la visita, in cui si è sprecato dell’ottimo sugo di selvaggina, si intrattiene a conversare col sacrestano, che le fa un po’ di storia del Gotico, parlando male di architetti a caso. Cersei non si dimostra abbastanza interessata e viene sbattuta in carcere da tre suore massicce.
Mood: Masterchef; Philippe Daverio agli Uffizi
11

16 commenti

Archiviato in Film e Telefilm, Game of Thrones, Senza categoria

Sansa pietà

Eccoci di nuovo a esaminare la nostra trashata in costume preferita.
Se siete alla ricerca di un post dettagliato, ben fatto e senza spoiler dell’ultima puntata de Il trono di spade, devo dirvi che siete un po’ sfigati ad essere capitati proprio qui, dove si spoilera tutto e non si capisce niente. Buona lettura!

Episodio 5×06

Titolo: Unbowed, Unbent, Unbroken
Titolo più onesto: Almeno non c’è Jon Snow

Arya è alle prese con lo stage nel collegio che la prepara a lavorare nelle pompe funebri. Di per sé non è troppo un impegno, deve solo fare le spugnature ai cadaveri; ma è la compagnia che rende la vita difficile. Lì in giro, infatti, hanno tutti la fissa per l’Indovina chi?, ma con delle regole che si avvicinano di più a Pugno o Verità.
L’uomo Multifaccia è talmente ansioso di giocare a che va a svegliarla di notte e insiste in modo insopportabile e violento se gli sta andando male: «Ha gli occhiali? Viene da Westeros? Ha ancora la mano destra? Dimmelooo!!!»

aryhq

In luoghi più areati, troviamo Ser Jorah a tolettarsi come un’anatra, con il suo prigioniero accanto. I due discutono sull’opportunità di mangiare radici. Tyrion spiega le ragioni per cui ha ucciso suo padre: la prima è che l’aveva condannato a morte per un crimine non commesso, e Jorah non sembra capire cosa ci fosse da prendersela tanto. Poi l’altro aggiunge la seconda ragione: andava a letto con la sua ragazza. E lì Jorah ci arriva, perché finché non gli spieghi qualcosa che gli ricordi che Daario si è fatto Khaleesi e lui no, non capirà mai.

jorahq

Si ritorna ad Arya, che sta facendo le pulizie. Un signore le porta la figlia, perché è malata e soffre di continuo ed egli vuole solo che le sue pene finiscano. Arya, come sappiamo, diventa subito solerte quando si tratta di ammazzare qualcuno aggratis, così fa bere alla ragazza l’acqua putrida e batterica della vaschetta e la stecchisce. Questo all’uomo Multifaccia piace tantissimo, al punto che per premio la porta ai Musei Vaticani. Ma attenzione, in realtà siamo nel Regno di Indovina chi? ! Sarà pronta a indossare tutte quelle brutte maschere di lattice? Dice che tutte no, ma una sì. Io spero che prenda quella che sta toccando, perché è chiaramente quella di Mrs Doubtfire e allora fare le pulizie avrebbe tutto un altro ritmo.

Mrs-Doubtfire-Dancing-and-Vacuuming
In un’altalena tematica da vertigine, torniamo ancora a Jorah e Tyrion, ed è superfluo puntualizzare che il secondo deve subire la confidenza strappalacrime del primo su come si sia innamorato di Daenerys il giorno della schiusa delle uova. Per fortuna arrivano gli schiavisti maneschi ad alzare un po’ il livello degli accadimenti. O forse no, considerato che le disquisizioni sul potere del pene di nano rovinano un po’ l’atmosfera. Tyrion cerca di vendere Ser Jorah come il nuovo Massimo Decimo Meridio, giurando che ha vinto le medaglie nella lotta libera a Lannisport e io ho sperato ardentemente che fosse un’olimpiade organizzata dai Lannister con un nome molto stupido, e invece è solo una città con un porto, una delusione che non potete immaginare.
Cersei Lannister 4

Segue un gustoso spaccato sulle qualità di Cersei: non ride mai, ma si concede dei ghigni da fare imbarazzo; ha la metà della solita parrucca, ma beve sempre come un Alpino. Molto bello e interessante, dovevano mandare questo a Cannes, altro che Amy Winehouse.
Lord Baelish le annuncia di aver trovato Sansa, credo per fare in modo che Cersei stermini i Bolton e di prendersela lui, ‘sta povera ragazza. La Grimilde Ossigenata specifica che vuole  la testa di Sansa sulla picca e lui non batte ciglio, un po’ perché crede di spuntarla all’ultimo, un po’ perché, se pure Sansa morisse, il fatto probabilmente non sarebbe un ostacolo per le sue mire su di lei, non so se mi spiego.

Frattanto, a Siviglia, si dispiega la storia d’amore mocciana tra Myrcella e Trystane – o Tristaney, scegliete voi la storpiatura di Tristano che preferite – se vi interessa ci fanno le fanfiction. Io passo, mi basta il dato che lui abbia una gonna più bella di quella di lei, a cui invece hanno appioppato la versione in iuta dell’abito di Belle quando danza con la Bestia in piena sindrome di Stoccolma.tridy
Si baciano sotto a un gazebo, ma vengono interrotti da Jaime e Bronn travestiti da Re Magi, che sono venuti per salvare la figlianipote.  Poi nella scena piombano le pure le figlie di Oberyn, che sono spocchiose come lui, parlano come camionisti dell’est molto arrabbiati e si fanno chiamare Sand Snakes come una brutta cover band delle Supremes. Vogliono rapire Myrcella! Per fortuna arrivano le guardie del palazzo, pure loro in outfit da presepe, dando vita a una battaglia con fruste e capriole di impatto incredibile, che è stata ingiustamente privata della giusta colonna sonora, questa:

Per le Oberine si mette male, ma purtroppo non possiamo saperne di più, perché si preferisce spostare l’attenzione sulla pur sempre straordinaria Nonna Olenna che cerca in tutti i modi di convincere Cersei a liberare Loras: minaccia di toglierle il grano (inteso sia come pecunia che come filoncini di pane), le dà della donnaccia, ma niente, Grimilday non cede. Così, poco dopo, ha luogo un’audizione di testimoni per stabilire se Loras sia colpevole di fornicazione e sodomia, perché se di natiche non ne abbiamo viste, almeno parliamone! Alla fine sia Loras che Margaery finiscono arrestati. Cersei è soddisfatta? E chi lo sa, la faccia non le si muove neanche se la solletichi.

cerceo

L’ultima fatica del telespettatore è la permanenza della povera Sansa nel castello dei sogni di Sigmund Freud, che si deve sposare (Sansa, non Freud). Va detto che c’è un elemento reso bene, cioè le spugnature da parte dell’amante pazza di Ramsay, un’analogia con la mansione di Arya, a suggerire che l’imminente matrimonio con il Bolton sarà come una morte per la Sansa che conosciamo. Però che noia, veramente, che oscurità irritante, che trucidi racconti da serial killer che neanche Zio Tibia, fate bere anche a me l’acqua della vaschetta di Arya che almeno smetto di soffrire. La parte peggiore, chi l’avrebbe mai detto, è l’abito nuziale: una cosa vomitevole che non si vede neanche a Cortina, e lì ci sono signore che indossano l’intera Gang del Bosco con le codine di scoiattolo che penzolano da tutte le estremità. Qui siamo oltre, con lo scialle di agnello e il cappottone di lana da generale bolscevico e si intuisce quanto sia brutto perché perfino Theon è schifato e ricordiamoci che Theon vive nel canile.
Se non altro è un abbigliamento funzionale, giacché il matrimonio in questione  si tiene il Lapponia e Sansa deve percorrere, al braccio di Theon, tre chilometri in mezzo alle lanternine boho-chic – e intendo tre chilometri in tempo reale, ci mettono di più ad andare che a celebrare lo sposalizio. Ad ogni modo, Sansa si marita e viene condotta nella stanza da letto di un cacciatore di frodo e lì avvengono i soliti abusi sessuali, presentati con voyeurismo dal cattivo gusto di chi ha concepito la scena, per dare quel brivido in più a quattro pervertiti sparsi per il globo a cui auguro un futuro imminente di spugnature.

19 commenti

Archiviato in Film e Telefilm, Game of Thrones

50 Sfumature di Verme Grigio

La nuova stagione di Game of Thrones può essere finora ricordata come la stagione delle gite. Non succede niente di utile, ma ci sono i viaggi ricreativi. Monumenti, paeselli, prati, osterie tipiche, colline, montagne per i più sportivi; insomma, si abbandona Valar Morghulis in favore del Valar Portare il pranzo al sacco e un biglietto A/R per la corriera.

Ecco la più recente avventura, interamente spoilerata per voi, mentre qui ci sono gli altri episodi di cui ho avuto la sciagurata idea di occuparmi.

Episodio 5×5

Titolo: Kill the Boy

Titolo più onesto: Kill the Show

In una rivisitazione ChecchiPaoniana dell’Antico Egitto, che Faabio* chiama “Il distretto delle Piramidi”, troviamo Verme Grigio, così ferito e abbacchiato che è diventato grigio veramente. Tra questo e la morte del suo fido Ser Barristan, Khaleesi trattiene a stento la sua rabbia incontenibile, ma purtroppo l’espressività è quella che è e il suo vestito è tutto una cangianza, quindi il risultato è più che altro Barbie Sirena e il nervoso per la ricostruzione unghie venuta male.

kha

Sequestrati uomini più o meno a caso, li porta nelle fogne dove tiene i suoi draghi, in modo che questi li possano grigliare e sgranocchiare, con un discorso sulla disciplina dei figli che ci fa capire come mai i suoi non le obbediscano una volta che sia una.

jos

Jon Snow, frattanto, si intrattiene con Aemon e le sue carezzine, con il capo dei Bruti e la sua barba, con chi capita, ma sempre all’insegna della mestizia, per l’ennesima versione umida, buia, tediosa e in finta pelle de Il nome della Rosa. Come fa un attore a non stufarsi di ripetere sempre che l’inverno sta arrivando, lo sa solo lui.

bria

Tralasciamo le occhiate sconsolate al castello di Brienne, la Mulan Albina, e lanciamoci nell’imperdibile momento di nudità, che se no la gente si addormenta. Ramsay lo sterminatore di wurstel e tale Myranda si offrono volontari per questo segmento, tra unghiate alle pareti di pietra impreziosite da gentilezze verbali e fisiche fino a una velata minaccia di morte e accoppiamenti di matrice criminale – ah, George RR Martin, quando vorrei che ti si valutasse psichicamente.

ram
Sansa, che si sta tramutando lentamente in cornacchia, trova, grazie all’equilibratissima amante del suo futuro marito, il povero Theon nel canile e direi che l’abbiamo notato tutti che questa scena è interamente
rubata a Lilo&Stitch.


Segue un pranzo in famiglia con una nuova carrellata di soprusi di vario genere.ram2 E più li osservo dirsi e ricevere nefandezze come se niente fosse, tra una sorsata di vino e l’altra, più mi chiedo: ma com’è che non si avvelenano a bere in quei bicchieroni di piombo? Comunque, il succo del discorso è che la matrigna dello squilibrato è incinta, e ciò significa che lui forse non diventa re e lo so che non ce ne importa niente, ma se no che scusa abbiamo per fargli dire qualche altra sconceria? Chissà da chi ha preso, sto ragazzo.
Dal padre, ha preso dal padre, che per argomentare quanto bene gli vuole gli racconta il romantico aneddoto di come ha violato la sua povera madre sotto il cadavere impiccato del legittimo marito, oh Martin, simpatico mattacchione, ma hanno controllato che tu non abbia l’età giusta per essere Zodiac?
Come se questa rivelazione fosse normale (e tutto sommato, conoscendoli, lo è), i due seguitano sereni a giocare a Risiko.

Saltiamo a piè pari Stannis, Melisandre e Famiglia mentre lasciano l’Hotel Transilvania e torniamo a Verme Grigio: è molto importante vedere Verme Grigio che si sveglia con il capo su un cuscino ortopedico.

ver
E dài, state dieci ore al giorno a fare le trecce alla parrucca di Khaleesi e non vi prendete cinque minuti per fare un cuscinetto che non sembri appena uscito da un ordine Eminflex? Anche le sopracciglia di Missandei sono affrante, ma quello probabilmente perché la liaison tra lei e il malato nei libri non c’è, e grazie al Cielo, perché a spanne lei avrebbe a malapena dodici anni a questo punto della storia. Il che ci fa notare anche che, se c’è un’interazione tra personaggi di sesso opposto che non coinvolga stupri e soprusi, stiamo tranquilli che non l’ha inventata Martin.
Poco dopo, Khaleesi si rivolge proprio a Missandei: «Ho un paio di dubbi oggi. Il primo è: ammazzo tutti, sì o no? Secondo: ti pare che io stia sempre in vestaglia? A me pare di stare sempre in vestaglia.» Missandei risponde che non è qualificata e che nei libri è coetanea di Arya Stark, ma suggerisce di agire così, seguendo il battito del suo cuore, che da sola ha sempre preso tante buone idee. CHE?! Daenerys decide così di ripristinare dei giuochi mortali e di sposare l’ingabbiato piagnucoloso. Pensavo peggio.

Nel frattempo, molto, ma mooolto piano, Sebastiano Somma,vestito come di consueto da vecchio cacciatore di leoni del primo Novecento, con al collo la cintura di una vestaglia di Khaleesi che deve averle rubato dai panni stesi prima di essere cacciato dal suo cospetto, conduce Tyrion per mare. L’intrepido ha deciso di attraversare Valyria, terra che, per chi non la conoscesse, è un connubio molto realistico tra il set di Indiana Jones e il tempio maledetto e quello del film Anaconda.

seb
I due recitano poesie ricche di joie de vivre, finché non vengono zittiti dal passaggio di un drago e per un attimo nessuno parla e nessuno fa niente ed è quindi il momento migliore di tutta la quinta stagione e anche un po’ della quarta; ma poi, come in ogni videogioco a gettone che si rispetti, spuntano da ogni dove gli uomini di pietra, li assalgono e si portano sul fondo il povero Tyrion, che non può difendersi a dovere, in quanto è tutto involtizzato nello spago come un Cacciatorino. Sebastiano lo salva dalle acque buie, ma non hanno più la barchetta e questo significa che dovremo sorbirceli a campeggiare come stanno facendo tutti gli altri.
Per fortuna uno dei due presto diventerà un sasso – e chissà che ciò non dia un’impennata alla qualità della recitazione.

21 commenti

Archiviato in Film e Telefilm, Game of Thrones

Addio mia concubina (e scusa)

Vi è piaciuto il finale di stagione di Game of Thrones? A me nemmeno un po’ (sono uno dei pochi, me ne rendo conto), ma mi sono consolato scrivendo questo post. Come sempre, vi ricordo che ci sono gli spoiler di tutto l’episodio.

Episodio 4×10

Titolo: The Children
Titolo più onesto: Continuano a morire i personaggi sbagliati

Dopo la consueta breve sigla, durante la quale si riesce appena appena a cuocere un plumcake e a farlo raffreddare, siamo subito ammorbati dalla presenza funerea di Jon Snow. Infatti, proprio come anticipato nello scorso episodio, Jon mette in atto il suo piano terrificante e va dal re dei Bruti, ostentando mani alzate come un negoziatore in uno di quei film in cui c’è un pazzo che tiene gli ostaggi in banca per ore e poi chiede un elicottero, banconote non segnate e una pizza grande già tagliata a spicchi. A Jon viene offerto un bicchiere di latte corretto con cherosene, prima di cominciare a discutere di cose serie. In soldoni: il capo indiano davanti a lui non si vuole arrendere, anzi, ha quattrocento uomini di scorta che prima o poi in cima al castelletto ci arrivano, quindi chiede direttamente il tunnel. Jon glielo vuole dare, forse no: non dipende da lui, nel senso che l’attore fa sempre le stesse facce e più di tanto non si capiscono i suoi sentimenti.
All’improvviso, però, qualcuno viene a disturbare quella che finora era una simpatica merenda: un’armata a noleggio, in formazione che neanche nel nuoto sincronizzato, arriva sui cavalli bianchi come la neve e ammazza tonnellate di Bruti.
Time out, dice il capo indiano, stiamo andando male. E, non so perché, ma tutti obbediscono e si fermano, anche quelli che non lo potevano sentire. Ma chi è il vile assalitore? Chi volete che sia, quell’inutile di Stannis, affiancato da un mortificatissimo ser Davos che su al Nord non ci voleva nemmeno venire. Jon, come suo solito, dimostra di non capire niente, ma ci mette una buona parola per Toro Irritato.

Nel geneticamente confuso regno dei Lannister, nel frattempo, Ser Gregor, affettuosamente detto il Montagna, è in pessima forma, e giace privo di sensi nel laboratorio. Oberyn l’ha conciato male prima di scoppiare come un gavettone di vernice. Qui si insinua addirittura che avesse intinto l’arma in un veleno potentissimo. Frate Indovino ce la mette tutta per salvare il Montagna: lo pungola, lo tagliuzza, ma niente. Interviene uno scienziato pazzo, subito sulla stessa lunghezza d’onda di Cersei, il quale pugnala la Montagna di qua e di là come il mago con l’assistente, solo che non c’è la scatola.
«Però forse non torna come prima, eh!» ammonisce lo scienziato, mentre distilla il sangue di ser Gregor in un fustino di birra.
Si intuiva, Maestro, si intuiva.
Dopo aver assistito a un’operazione chirurgica bislacca ma pur sempre più credibile di quelle di Grey’s Anatomy, Cersei ha la carica di ottimismo giusta per andare da suo padre a lagnarsi. Non vuole sposare ser Loras e per giunta dice che farebbe di tutto per proteggere il figlio, specialmente ammazzarlo con le sue stesse mani. Al padre, capite, non importa niente, e allora Cersei minaccia: «Guarda che dico a tutti che io e mio fratello facciamo le cosacce.» E Tywin cade dalle nuvole, non l’aveva mica capito! Cersei lo lascia a marinare nello sgomento e va a dare la lieta novella a Jaime: «L’ho detto a papà!» Jaime la prende su quello che sicuramente è un altare tutto da sconsacrare. Che menti pure servono a concepire una trama così, che menti purissime.

Tuffiamoci adesso nel multietnico mondo di Khaleesi, appena in tempo per una frizzante processione di postulanti. Un re magio si lamenta della sua nuova libertà, facendo gentilmente notare di essere diventato un barbone.
«Beh, vai alla Caritas.»
«Mi derubano, guarda grazie ma preferisco tornarmene schiavo.»
«Ok, ma solo con contratto a progetto.»
Il suddito successivo è un poverello che tiene in mano le ossa della sua bambina, arrostita da uno degli stupidi draghi di Khaleesi, il quale non si trova più. La regina allora porta i due rimanenti nelle catacombe e li mette alla catena, giusto per evitare che continuino a scambiare infanti per pecorelle. Quando se ne va, è investita dalle urla dei draghi, che non possono credere di essere stati legati così. Ora, il mio draghese è scolastico, ma penso che dicessero più o meno: «E che cavolo mamma, noi non abbiamo fatto niente, è stato lui e punisci noi?» E hanno ragione, indubbiamente. Ma Khaleesi non è mai stata molto in sé, non so se l’avevate notato.

Alla barriera si bruciano i morti e Melisandre sta in mezzo. Dove c’è un fuoco c’è Melisandre. Il che in fondo è normale, se consideriamo che sotto quelle mantelle è sempre nuda.
Jon organizza un funerale a Ygritte appartato e low cost, e io queste scene alla barriera e dintorni le avrei saltate a piè pari, ma lo sforzo dell’attore di farsi il pianto è imperdibile e va ricordato da qui in poi per tutte le generazioni future.

I bambini sperduti, nel frattempo, raggiungono casualmente la loro meta: Bran, con le sue sopracciglia in morbido velluto, è il primo a vedere Nonna Salice. Io mi sono perso e non so perché siano lì, ma il tutto mi ricorda vagamente Kung Fu Panda.
Inaspettatamente, dei brutti scheletracci emergono dalla terra e agguantano i malcapitati. Bran entra in connessione wireless con Hodor e ammazza morti a destra e a sinistra, ma sono comunque in grande difficoltà. Jojen viene ucciso e anche la sorella se la passa male. Ma ecco arrivare una bambina molto sporca che sa tirare palle di fuoco (sono sempre più confuso) che porta i superstiti in una grotta di radici e scheletri (questi stanno fermi però). Ad attenderli, un simpatico anziano.
«Sei il corvo con tre occhi?»
«Sì, guarda, chiamami come vuoi. Brandon, tu ti sei smazzato un sacco per arrivare qui, ma è tardi.»
«Posso tornare a camminare?»
«No. Volare va bene lo stesso?»
Non so voi, ma a me sa tanto di truffa.

Intanto, negli Abruzzi, Podrick ha perso i cavalli e Lady Brienne si astiene dall’ucciderlo e parte alla ricerca dei ronzini perduti. E chi trova la signora? Il Mastino e la giovane psicopatica. Prima, per la verità, c’è solo Arya, che Brienne scambia ingenuamente per una bimba mentalmente stabile. «Buondì bella bimba, che graziosa sei, difficile essere una femminuccia e tirar di spada, ah? Non me ne parlare!» Al che arriva il Mastino e Brienne capisce finalmente che ha davanti la bambina che doveva proteggere e che questa si sta dimostrando dannatamente antipatica. Fossi in te mi mangerei il panino che le hai portato da parte del fornaio, Brienne. Segue una lotta tra paesaggio aridi, con pestaggio a favore di Brienne. Rimasta sola con il Mastino morente, Arya si rifiuta di finirlo e gli ruba i soldini.

Jaime vuole salvare il fratello Tyrion da morte certa. «Passa di qui!» gli dice, indicandogli una scala a chiocciola; ma l’uomo, invece di spicciarsi e obbedire, finisce in qualche modo nella stanza da letto del padre, dove, bella spaparanzata, se ne sta quella brutta traditrice di Shae. Tyrion non ci vede più e la strangola a mani nude, che non è proprio da lui e a me sembra di vedere Fuoco cammina con me una seconda volta, cosa che avrei proprio preferito evitare.
Dopo essersi scusato col cadavere, Tyrion acchiappa una balestra e raggiunge il papà, che sta seduto al gabinetto. Fa un discorso molto bello e intenso, ma ripeto, siamo alla toilette e non c’è l’atmosfera adatta, così Tyrion uccide il padre e raggiunge Varys. Quest’ultimo lo mette in una scatoletta piena di buchi come si fa con un lemure destinato allo zoo e fa per andarsene, poi pensa ma chi me lo fa fare di starmene in questa gabbia di matti, io che in fondo come unico tocco di originalità tengo un pedofilo vivo in una bara da trentacinque anni, e si imbarca pure lui.

Arya, più inquietante che mai, arriva a un porticciolo dove una barca sta per salpare.
«Devo andare a Nord», dice al capitano della nave.
«Intanto si saluta, brutta cafona.» Le risponde il capitano. «Secondo, questo è il traghetto per Corfù e abbiamo finito le cabine.»
«No, pensaci bene» dice Arya allungando il gettone di partito.
«Assessore, non avevo idea» fa il capitano, e le permette di salire così da portarla dove desideri.
L’episodio termina nel modo più banale e noioso di sempre, la barca che salpa e la ragazzina col vento e il sole in faccia verso la sua meta avventurosa.
La parte più triste di tutte è che, nell’ora che è durato questo obbrobrio, un plumcake avrei potuto farlo veramente.

21 commenti

Archiviato in Film e Telefilm, Game of Thrones

Salvate il soldato Sam

Oggi parliamo di grandi strategie di guerra. Unica regola: se non avete ancora visto l’episodio 4×09 di Game of Thrones e ne avete intenzione, fermatevi qui perché sto per spoilerare tutto.

Episodio 4×09

Titolo: The Watchers on the Wall
Titolo più onesto: In caso di guerra organizzarsi meglio

Piena depressione alla Barriera, più del solito. Si parla di femmine. Sento aria di pacco. Sam vuole conoscere l’amore carnale per procura e cerca cavilli per conoscerlo direttamente: “sul codice etico c’è scritto che non posso sposarmi né avere figli, ma per resto posso fare un po’ tutto, no?” Mi ricorda Bill Clinton nel ’98.
Seguono lezioni in materia offerte dalla psicologa e sessuologa di Cioè Gianna Neve. Ora che Sam sa che fare il bagno nella Coca Cola non fa da contraccettivo, possiamo forse provare a proteggere seriamente anche sta benedetta Barriera.

I Bruti, nel frattempo, si intrattengono in un delizioso picnic, dove si scambiano gli immancabili racconti intorno al fuoco. E su cosa vertono, questi racconti? Beh sul sesso, naturalmente. Con orsi o con John Snow, comunque è sempre coinvolta molta pelliccia. Qualcuno sputa a terra. La peggiore riunione dei Lupetti sin dalla fondazione degli Scout, se me lo chiedete.

Com’è spumeggiante questo episodio, non si può spiegare.

Intanto, il Maestro Aemon, il vecchiarello cieco per intenderci, narra a Sam la sua giovinezza, in particolare, te pareva, che una volta anche lui era stato innamorato, e sospira:
«Potremmo passare tutta la notte a ricordare gli amori perduti!»
Eh, l’avevo intuito.

Ma la battaglia deve pur iniziare, no? La tensione sale di molto quando Sam dice la sua prima parolaccia. Poi si sente il suono del corno e il gufo-camera dei Bruti rivela che bisogna smettere di rosicchiare rostelle e andare ad assaltare il Castelletto della Mestizia. In proposito, la difesa del castello si sta organizzando un po’ in stile Medioevo, un po’ in stile Pirati dei Caraibi, ma il succo è che hanno meno olio loro del panellaro Nicolino in piazza Matteotti a Mazara. Ma sono comunque tutti ottimisti. Non serve che ve lo dica io, finora non sta succedendo un granché.
C’è un bel discorso tra Sam e Gilly, in compenso, e lei gli dice «Promettimi che non morirai!» che in gameofthronese significa: «Vabbè, è stato bello, addio.»

Tornando alle grandi strategie militari della Barriera, si scopre che il collega di Sam non ha mai usato un’arma in vita sua. Ma che cavolo fate dalla mattina alla sera in quel posto, a parte deprimervi? Me lo dovete dire.

Forse arriva l’azione, però: Ygritte è tornata dalla ricognizione e dice che i Corvi sono quasi tutti in alto! E pensa, amica mia, che quelli sono un po’ tutti i Corvi esistenti.E poi arrivano i Mammut, i Mammut! San Piero Angela, sembra Quark! Comincio ad essere interessato.

Abbiamo la conferma definitiva che i Corvi sono dei grandissimi incompetenti.
«Hai colpito qualcuno?»
«No.»
Direi che moriranno tutti stasera, ma siccome non stanno simpatici a nessuno mi sa che non è affatto scontato.

Siamo a metà della guerra e comincia a sbrodolarsi sangue, ma, cosa più importante, si rivedono quei bellissimi Mammut.

«Nessuna discipilina, nessun ordine» si lamentano su alla Barriera. E non stanno parlando di loro stessi, ci credete?!

C’è il primo impalato della serata, qualche carotide esposta, un occhio infilzato. Segue lotta con il pentolame. I Bruti sono di ottimo umore. Da un Mammut scende un gigante e ciò ci fa capire che non è Quark, ma Voyager. Ora si spiega l’aria di pacco che tirava all’inizio.
Si dà il via all’operazione: Almeno salviamo il cancello. Il bambino ascensorista è troppo traumatizzato per dare retta a qualcuno. Jon Snow, io lo so che giocare a Risiko tutti i pomeriggi in quell’oratorio per uomini desolati ti ha fatto immaginare di sapere qualcosa di strategia, ma se continuate così rimane solo il cancello.

Ygritte, che dice di voler uccidere Jon ma noi sappiamo che non è vero, finalmente lo scorge e si esibisce in una capriola inutile ma molto, molto bella a vedersi. Brava Ygritte, dopo i Mammut sei la mia preferita quest’oggi. E infatti quello stupido ascensorista bambino la fa fuori in un colpo solo. Avevo appena finito di pensare che mi piaceva, ma come fa signor Martin? A questo punto tentiamo il tutto per tutto: MI PIACE TANTISSIMO STANNIS.

I Corvi hanno vinto. I capelli di Jon Snow non sono mai stati così spenti e opachi.
Si rivolge a Sam.
«Apri il cancello per farmi uscire e richiudilo una volta che sono fuori.»
È il principio dei cancelli, Jon, mo’ che hai vinto per combinazione non dare ordini inutili a destra e a manca. E soprattutto, ora che te ne vai con in testa il peggior piano mai sentito, promettici che non morirai.

8 commenti

Archiviato in Film e Telefilm, Game of Thrones